Home Escursionismo Piccolo Corno Gries - val Formazza
Escursionismo -Punta dei Camosci PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Domenica 01 Agosto 2010 17:29

Località partenza:   Riale, Diga di Morasco
Quota di partenza (m.):  1823
Quota vetta (m.): 3043
Dislivello complessivo (m.):  1290  
Sviluppo: 13 km  a/r
Difficoltà:  EE
Cartografia: CNS 1:50.000 fgl Nufenen
Rif.bibliografici
Scarica la traccia GPS
Come sempre, quando vado solo in montagna, decido la meta all'ultimo momento, a volta addirittura prima di entrare in autostrada (Ossola? Valsesia? Val d'Aosta?). Oggi è toccato alla Val Formazza, avevo in mente il Corno Brunni o la Punta dei Camosci, e alla fine è andata per quest'ultima, con grande soddisfazione devo dire....

A Riale non si muove foglia e nessun essere umano sembra ancora essersi svegliato. Sono le 7 del mattino e il sole non è ancora arrivato: fa fresco il giusto, 13 gradi sono la temperatura ideale per salire. Lascio la vettura nell'ampio parcheggio alla partenza della funivia Enel e mi incammino verso il Passo del Gries seguendo il sentiero a fianco del torrente. Il sole man mano fa capolino e comincia a scaldare mentre attraverso la piana del Bettelmatt: è ancora presto per le mucche, tutte relegate ancora  negli alpeggi più bassi in attesa che l'erba mottolina cresca per dare il caratteristico sapore del formaggio più celebrato in Ossola. Ancora un'ora di cammino e sono al passo del Gries: salendo l'Arbola mi strizza l'occhio, prima o poi arriverò anche lì, ma oggi la meta è un'altra. E' li sopra di me, brulla e inospitale, rocce rotte dal caratteristico colore rosso. Dal Passo del Gries si raggiunge in breve la caratteristica capanna-bivacco e da lì si segue l'evidente sentiero Castiglioni che sale il costolone di roccia friabile (una volta era il bordo della morena del ghiacciaio del Gries, ora ridotto ai minimi termini). Per vallette e dossi si abbandona la traccia principale per puntare all'evidente intaglio della cresta, segnalato da un grosso ometto: lì giunto, uno sguardo verso l'alto e su, a colmare gli ultimi 100 metri di dislivello, su traccia sempre ottima e che richiede solo un pò di attenzione per la forte esposizione ed il fondo di terriccio a volte inconsistente. Volutamente i miei occhi sono solo per la salita: voglio scoprire il fantastico panorama solo quando sarò in vetta. E che panorama, una volta raggiunta la croce di vetta dopo un ultima divertente crestina rocciosa! E' vero, la Punta dei Camosci non sarà una cima particolarmente ambita, però la vista da quassù è fantastica. E con una giornata come quella di oggi si starebbe quassù delle ore intere a godere di tanta beltà...
La discesa dalla vetta richiede la dovuta attenzione, una scivolata potrebbe essere molto pericolosa: ritorno sui miei passi a riprendere il sentiero Castiglioni, e finalmente trovo qualcuno intento alla traversata. Io punto verso il Rifugio Città di Busto, seguendo l'esile traccia, in alcuni punti sconvolta dalle tante slavine primaverili e piuttosto pericolosa in caso di neve: rimane un solo piccolo nevaio da attraversare e poi si punta al grande Piano dei Camosci, sopra il quale ecco il Rifugio Città di Busto. Una breve sosta ristoratrice e poi giù verso Morasco, seguendo il vecchio sentiero sotto ai piloni della funivia. Arrivo alla macchina verso le 14: il torrente si è trasformato in una sorta di spiaggia puntellata da ombrelloni e materassini. Passo oltre con sguardo di compatimento: finalmente riesco a ritornare a casa senza le code chilometriche in  superstrada delle ultime settimane!!!

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 12 Novembre 2010 09:07
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information