Home Escursionismo
Gran Tournalin: balcone sul Cervino PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Domenica 13 Settembre 2009 22:08

Località partenza:   Cheneil
Quota di partenza (m.):  2023
Quota vetta (m.): 3370
Dislivello complessivo (m.):  1350  
Sviluppo: 14  a/r
Difficoltà:  EE
Cartografia: IGC fgl. 109 1:25.000 CERVINO
Rif.bibliografici
Scarica la traccia GPS


Trasferta valdostana alla conquista del Gran Tournalin, splendido belvedere sul Cervino.

Partiamo agguerriti da una sonnolenta Cheneil sotto un cielo indecifrabile: sprazzi di sereno si alternano a cumuli che coprono le principali vette. Uno sguardo verso la nostra meta e subito la prima sorpresa: è tutta bianca di neve, evidentemente caduta nella notte grazie allo zero termico piuttosto basso.

Cominciamo a pestare neve dai 2700 metri in su, dapprima qualche chiazza, poi sempre più compatta mano a mano che ci si avvicina al colle che separa il Gran e il Petit Tournalin: pochi centimetri, quanto basta a rendere estremamente viscide le rocce che si devono percorrere. Poco oltre il Colle, il passaggio chiave del Mauvais Pas, una placca rocciosa attrezzata con un vistoso canapone di colore blu: qui oltre ad essere viscida la roccia è anche gelata...... Con non poca apprensione e la massima cautela superiamo questo tratto molto delicato, che in condizioni normale non sarebbe nulla di particolare, e proseguiamo sull'ampia cresta verso la vetta. Ancora qualche passaggio viscido ed esposto, poi la traccia sale sicura verso la Cima Sud. Panorama nullo, le nuvole ammantano tutte le cime circostanti, solo qualche sprazzo di sole verso la conca di Cheneil: dopo la foto di rito ci muoviamo in fretta, la discesa è ancora più problematica della salita e richiede la massima attenzione.
Incredibile ma vero, incrociamo un signore che sta salendo con le scarpette da ginnastica, quelle con la suola liscia!!!!!!!!!!!!! O è un drago oppure non si rende conto dei rischi che sta correndo! A volte mi chiedo come si faccia a compiere tali leggerezze in montagna.....
Solo dopo aver superato gli sfasciumi sotto al colle ci rilassiamo, ora cade qualche goccia di pioggia, ma è cosa effimera e dopo pochi minuti esce nuovamente un sole beffardo che va ad illuminare la cima appena conquistata. Si sa, la montagna a volte è bizzarra....
In conclusione, una gita che le condizioni meteo hanno reso ben più difficile del previsto: da rifare in condizioni ottimali, certi di previsioni meteo più che ottime per poter gustare la vista sulla Gran Becca che oggi proprio non abbiamo visto....

Ultimo aggiornamento Venerdì 24 Settembre 2010 13:06
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information