Home Cicloturismo
Tour dell'Assietta - da Sestriere PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Martedì 27 Luglio 2010 10:29

Località di partenza e arrivo:
Sestriere, parcheggio impianti di risalita mt. 2045
Lunghezza:
km. 58
Dislivello complessivo in salita:
1600 mt. circa
Stato del manto stradale:
Asfalto sino a Pian dell'Alpe: indi sterrato in condizioni variabili lungo l'intera Cresta dell'Assietta Particolarmente dissestato il tratto da Pian dell'Alpe al Colle dell'Assietta ed il tratto di discesa dal Col Basset a Sestriere
Eventuali deviazioni che si possono compiere:
Numerose deviazioni possono essere compiute lungo il tragitto: vi invito a consultare le pagine Web di Massimo Peverada, profondo conoscitore della zona. In esse troverete interessanti spunti per esplorare in MTB queste bellissime montagne
Data della ricognizione:
31 agosto 2002
N.B. - A mio parere l'itinerario è decisamente sconsigliabile alla specialissima, anche se qualche pazzo centocollista di mio conoscenza lo ha affrontato con successo: nel caso prevedere almeno copertoncini con sezione da 25mm e una buona dose di camere di scorta....
Aggiornamento del 20 giugno 2008, volentieri pubblico una mail ricevuta dall'ufficio turistico della Provincia di Torino

" Il territorio della dorsale dell'Assietta con i suoi 60 Km di strada carrozzabile sterrata e panoramica è oggetto di una serie di azioni di riqualificazione finalizzate a preservare le inestimabili risorse paesaggistiche e ambientali che si sviluppano nelle aree protette del Parco Orsiera-Rocciavrè e del Gran Bosco di Salbertrand. Le azioni di riqualificazione prevedono l'allestimento di aree attrezzate, l'installazione di una nuova segnaletica, l'organizzazione di eventi, promozioni ed escursioni e la definizione di una serie di prescrizioni che ne facilitino la fruizione contemporanea da parte di utenze diverse. In questo quadro, la SP 173 dell'Assietta (dal km 0,500 si Sestriere fino a Pian dell'Alpe) e la SP 172 del Colle delle Finestre (dal km 2,900 di Meana di Susa a Pracatinat) saranno aperte al transito dal 1 giugno al 31 ottobre con le seguenti modalità: - Limite di velocità di 30 km/h, - Divieto di transito ai veicoli di massa a pieno carico superiore alle 3,5 tonnellate e/o aventi larghezza superiore ai 2,00 metri, - Divieto di sorpasso e di sosta al di fuori dei parcheggi. Al fine di favorire una fruizione dolce e una circolazione lenta sulla strada da parte di ciclisti ed escursionisti a piedi e a cavallo, sono inoltre previste delle giornate di totale chiusura al traffico motorizzato della SP 173 dal Col Basset a Pian dell'Alpe il 2-5-9-12-16-23-30 luglio e 2-6-9-13-16-20-23-27-30 agosto. Tutte le informazioni aggiornate sono disponibili su www.stradadellassietta.it"


La salita nel dettaglio

La cosiddetta "Strada delle Creste" o "via dell'Assietta" è un percorso altamente remunerativo per i "cacciatori" di colli: consente infatti di valicare una serie di colli alpini superiori ai 2000 mt di quota, in un ambiente montano di grande suggestione.
A distanza di tre anni dall'ultimo sopralluogo ritorniamo in Val di Susa a percorrerne una nuova variante: all'epoca risalimmo da Susa lungo il Colle delle Finestre, salita estremamente impegnativa per lunghezza e dislivello. Questa volta invece seguiamo fedelmente il tracciato della gran fondo di mountain bike "Tour dell'Assietta" che si svolge ogni anno l'ultima domenica di luglio (vedi il sito ufficiale della manifestazione per ulteriori informazioni)
Partenza dunque dal Sestriere, località che non ha certo bisogno di presentazioni,   per imboccare su asfalto la SS N. 23 che ridiscende la val Chisone. In un batter d'occhio raggiungiamo Pragelato, Souchères e quindi dopo circa 15 km  Pourrieres (mt. 1418) dove occorre prestare attenzione al primo bivio sulla sinistra con le indicazioni per Balboutet. Lasciamo senza rimpianti la trafficata statale ed iniziamo a salire con decisione, toccando appunto la frazione di Balboutet (mt. 1557) per seguire poi le indicazioni per l'agriturismo Pian dell'Alpe: la strada diviene ben presto sterrata ma in ottime condizioni e risale tra pascoli e boschi di conifere. Nei pressi di un tratto particolarmente ripido si ritrova nuovamente l'asfalto, che si interrompe poco prima di giungere alla bella conca alpina di Pian dell'Alpe, a quota 1821 mt. (ultima possibilità di rifornimento idrico). Sulla nostra destra scorgiamo l'evidente insellatura del Colle delle Finestre (distante circa 2,5 km).
Noi invece al bivio voltiamo a sinistra immettendoci così sulla strada dell'Assietta: il fondo è in discrete condizioni rispetto alla nostra ultima ricognizione (evidentemente sono stati fatti lavori di manutenzione...) e si procede   affrontando un  lungo traverso a mezza costa che consente di ammirare lo splendido panorama verso il fondovalle. La pendenza è costante - caratteristica di ogni strada di costruzione militare - e senza grossi problemi ci si alza di quota per affrontare - dopo alcuni tornanti - l'ultimo tratto che ci separa dal colle dell'Assietta (mt. 2472). Il panorama è austero, a dir poco superbo, anche se guastato dalla giornata non propriamente estiva: dopo una breve sosta  un breve tratto di dura salita ci separa dalla "cima Coppi" della giornata, la testa dell'Assietta a quota mt. 2567.
Ma attenzione, poichè le difficoltà non sono terminate! Infatti dopo una velocissima discesa che ci porta al Col Lauson (mt. 2497)  troviamo una prima contropendenza nei pressi del Col Blegier (mt. 2381:qui sul versante valsusino è possibile scendere sino a Salbertrand nell'omonimo Parco Naturale). Ma è soprattutto il successivo  tratto di salita  che ci porta a lambire la cima del M.Genevris (mt. 2533) a farsi ricordare per le pendenze notevoli ed il fondo piuttosto sconnesso: da qui una serie di tornanti in discesa ci conducono al Colle di Costa Piana (mt. 2313). Siamo nell'area sciistica di Sauze d'Oulx e il successivo tratto in falsopiano supera alcuni impianti di risalita in una bella radura punteggiata da larici prima di lambire il Col Bourget (mt. 2299). L'ultimo e conclusivo tratto di salita che ci porta al Col Basset (mt. 2424) non presenta grosse difficoltà: là giunti, all'arrivo della telecabina che sale da Borgata, non resta che tuffarci lungo la veloce discesa (circa 6 km, anche qui il fondo è notevolmente migliorato) che ci riporta a Sestriere.

Non mi resta che ricordarvi il sito ufficiale della manifestazione (www.tourassietta.it) e le splendide pagine di Massimo Peverada dedicate a questo percorso (http://www.peverada.it/mtb/percorsi/tourassietta.htm)

 

 

 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information