Home Cicloturismo
San Giacomo di Andrate - da Ivrea PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Martedì 27 Luglio 2010 14:40

  Clicca per vedere l'altimetria

Località di partenza:
Chiaverano, SP221 mt. 257
Località di arrivo:
S.Giacomo di Andrate -area attrezzata (termine asfalto) mt. 1270
Lunghezza:
km. 10,9
Dislivello:
1013 metri
Pendenza media:
9,3 %
Pendenza max. rilevata (riferita a tratti di 100 mt):
15 %
Stato del manto stradale:
Discreto
Data della ricognizione:
domenica 3 novembre 2002

La salita nel dettaglio

Alle porte di Ivrea, lungo le pendici del Mombarone, andiamo a scoprire una salita impegnativa che mi è stata segnalata dall'amico biker Paolo Roselli: quella che porta a San Giacomo di Andrate. Le cifre parlano molto chiaramente: gli ultimi 4 chilometri presentano una pendenza media del 10,8% con numerose rampe prossime al 15%. Insomma, una salita con i fiocchi, da affrontare con adeguati rapporti...


Dal centro di Ivrea si procede in direzione Bollengo seguendo poi le indicazioni per Cascinette. Qui si prende per Chiaverano-Andrate, costeggiando le placide acque del laghetto di Campagna nei pressi del ristorante Mixò. Il punto di partenza dei nostri rilievi è stato preso, in maniera molto arbitraria, lungo la SP 221 all'inizio di Chiaverano, in prossimità del cartello che appunto indica la località.
Già dopo aver superato le ultime case di Chiaverano la salita si fa ostica, con numerose rampe velenose: si supera un primo bivio al km. 1,5 (incrociando la SP che sale da Borgofranco e prendendo a destra in direzione Andrate-Nomaglio) ed un successivo al km. 1,9 dove si tiene la destra. La strada diviene improvvisamente stretta, fiancheggiata dai castagni: le pendenze si attestano costantemente attorno al 10%. Dopo aver superato un nuovo bivio al km. 3,7 si prosegue diritto entrando nel territorio di Andrate con un deciso abbattimento delle pendenze.
Giunti ad Andrate (km. 7-mt.849) si entra nelle strette vie del centro storico prestando attenzione al bivio per S.Giacomo, che si trova in prossimità di una piccola piazzetta (bivio comunque segnalato dai cartelli turistici gialli). Svoltiamo a destra ed usciamo ben presto dal paese, affrontando quella che sarà la parte più difficile dell'ascesa: dopo un primo chilometro relativamente tranquillo la strada infatti si arrampica lungo i fianchi della montagna con pendenze decisamente superiori al 10%. L'ambiente naturale è quello caratteristico della media collina: siamo circondati da boschi di castagno  e di betulla, con ampie vedute sulla piana canavesana. La sede stradale è stretta ma in discrete condizioni: con uno stillicidio di rampe sempre più impegnative raggiungiamo infine l'area attrezzata di San Giacomo, posta in splendida posizione panoramica in un suggestivo bosco di betulle. I rilievi finiscono al km. 10,9 al termine dell'asfalto: da qui la strada diviene sterrata e dopo circa 6 km si ricongiunge con quella che sale da Trovinasse nei pressi degli alpeggi di Buri. Il primo tratto appare in buone condizioni (anzi, alcuni segmenti sono asfaltati), ma sulla percorribilità in bicicletta non ci possiamo pronunciare...

 

 

JavaScript deve essere attivo per utilizzare Google Maps.
Sembra infatti che JavaScript sia disabilitato o non supportato dal tuo browser.
Per visualizzare le Google Maps, attiva JavaScript modificando le opzioni del tuo browser e poi riprova.

 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information