Home Cicloturismo
Mortirolo e Gavia con il G.S. Agrate C. PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Mercoledì 04 Agosto 2010 16:29

7 agosto 1996

Per il consueto raduno annuale degli scalatori il G.S. Agrate Conturbia oggi va alla conquista di due mitiche cime alpine, il cui nome è entrato nella leggenda del ciclismo recente e passato. Alloggiamo a Tirano, presso l’Hotel Stelvio, in posizione centralissima: albergo modesto ma confortevole, unica sua pecca il fatto di trovarsi proprio sulla statale e quindi di notte si fa fatica a chiudere occhio col via vai di macchine e di camion.

 La cronaca della scalata

Alle otto precise siamo in sella, il tempo non è bellissimo ma lascia intravedere qualche sprazzo di sole. Subito fuori Tirano la strada inizia a salire discretamente e ci consente di scaldare i muscoli prima di giungere a Mazzo, dopo circa 10 km. Il Mortirolo inizia qui: immediatamente a ridosso del paese la strada si impenna, azzeriamo il cronometro e partiamo!! Davide e Corrado, i nostri due agonisti,  partono subito in quarta, io li seguo di conserva con una tattica ben chiara in mente, ovvero dosare le forze!! La salità è certamente molto impegnativa, ma a dir la verità temevo molto peggio, solo alcune crudeli rampe nei primi chilometri mi costringono ad innescare il "28". Dopo il nono chilometro la pendenza cala notevolmente, ed allora giù a balla a spremere tutto ciò che è rimasto sino allo scollinamento sul passo: tempo mio di scalata 1h e 19 min, prendo 10min da Davide e 8 da Corrado. Dietro di me arrivano nell’ordine Rino (ottima la sua prova, nel tratto più duro l’avevo alle costole, ma lui ha la tripla....), poi Tripodi, Pizzamano, Platini, Aldera, Alberici, Cesare V. ed infine il mitico Giani Romano, che con i suoi 74 anni suonati ha davvero compiuto una grande impresa.

Il tempo per le foto di rito e quindi il gruppo si divide: gli irriducibili, ovvero il sottoscritto, Castellazzi e Tripodi, seguiti dal fedele Attila col pullmino, picchiano verso Monno (bellissima la discesa) sino a sbucare sulla statale della Val Camonica ove si devia in direzione di Pontedilegno: sono 12 km di leggera ma costante salita che contribuisce non poco a succhiare le già provate riserve di energia... e ci aspetta ancora un certo Sig. Gavia!! All’ingresso di Pontedilegno conviene entrare direttamente in paese al primo bivio e non seguire la circonvallazione come abbiamo fatto noi. La salita del Gavia attacca abbastanza dolcemente nei primi km, ma quando arriviamo ai primi tratti di sterrato le cose iniziano a farsi tostissime: il manubrio vibra continuamente sotto le sollecitazioni dello sterro, non ci si può alzare perché slitta la ruota e le pendenze sono sempre a due cifre!! Ma che bello, sembra di essere ai tempi di Coppi e di Bartali,roba d’altri tempi: il panorama è stupendo, peccato che le nuvole basse non lascino intravedere le cime del Cevedale!! Si sale continuamente, alternando tratti di sterrato a tratti asfaltati, sino al limite della vegetazione, attorno ai duemila metri, dove la strada ridiventa asfaltata, anche se molto stretta: superiamo una galleria molto buia, dopodichè la pendenza si fa più mite. Ma siamo immersi nella nebbia più completa, la visibilità è di pochi metri e le gambe sono ormai molto stanche: una schiarita ci fa intravedere il Passo e con un ultimo sprint lo raggiungiamo (Tripodi nel frattempo ha rinunciato, Rino arriverà dopo parecchi minuti).

Dopo un veloce cambio di indumenti (guanti e copriscarpe sono di rigore per non subire il freddo che è pungente..) picchiamo verso la Valfurva. Che panorami nei brevi tratti in cui le nuvole ci lasciano scoprire i ghiacciai del Cevedale e del Gran Zebrù!! Si raggiunge in un lampo Santa Caterina, poi Bormio dove iniziamo gli ultimi 40 km di discesa, alternati però da alcune salitelle assai insidiose, specie il bordo frana del Pizzo Coppetto: il vento è rigorosamente forte e contrario ed inoltre inizia a piovviginare:

Con le ultime forze residue raggiungiamo Tirano, ove ci attende il resto della banda. Tutti felici e contenti, due importanti vette del ciclismo sono state conquistate!!!

Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Agosto 2010 17:06
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information