Home Cicloturismo
Col de Sarenne - dalla diga di Chambon PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Lunedì 16 Agosto 2010 17:36

   Clicca per vedere l'altimetria

Località di partenza:
Diga di Chambon, N91 - incrocio D25 per Mizoen, mt. 1045
Località di arrivo:
Col de Sarenne, mt 1999
Lunghezza:
km. 12,700
Dislivello:
954  mt
Pendenza media:
%
Pendenza max. rilevata (riferita a tratti di almeno 100 mt):
15 %
Stato del manto stradale:
Non ci si può aspettare molto da una strada dipartimentale classificata come "route pastorale": il manto stradale è buono sino a Clavan-le-Bas, poi peggiora vistosamente per la presenza sulla carreggiata di pietrisco e brecciolino. In salita non vi sono problemi ma in discesa occorre prestare la massima attenzione.
Eventuali deviazioni che si possono compiere:
Una volta raggiunto il Colle si può proseguire alla volta dell'Alpe d'Huez
Data della ricognizione:
1 giugno 2003

La salita nel dettaglio

A pochi chilometri dai clamori dell'Alpe d'Huez esiste un colle sperduto e solitario tra montagne aspre ed affascinanti panorami verso il massiccio des Ecrins: il Col de Sarenne. Se vi trovate da queste parti e siete in cerca di alternative ai famosi 21 "virages" della salita forse più percorsa di Francia, il mio consiglio è di provare assolutamente questa salita, non rimarrete delusi!!


Partendo da Bourg d'Oisans si percorre la N91 in direzione del colle del Lautaret sino a giungere al bivio per la famosa stazione sciistica di Les Deux Alpes. Ancora poche centinaia di metri sulle rive del bacino artificiale di Chambon e sulla nostra sinistra si stacca il bivio per la D25 con le indicazioni per Mizoen-Besse: abbiamo già percorso 14,5 chilometri che possiamo considerare di ottimo riscaldamento.
Il biglietto da visita è subito eloquente. DI fronte a noi la strada si impenna in maniera verticale con pendenza del 15%. Un tornante ci consente di rifiatare appena, ma subito un'altra rampa si affaccia minacciosa: raggiungiamo Mizoen con la lingua penzoloni dopo 1,2 km alla pendenza media del 11 %.
La strada spiana poi decisamente e ci attende addirittura un breve tratto di discesa per raggiungere un ponticello posto sulle impressionanti gole del torrente Ferrand. Si passa quindi sull'altro versante della montagna, iniziando a risalire con bei tornanti immersi nel fitto della vegetazione sino al bivio per Besse (mt. 1292): noi continuiamo a salire lungo il tornante sino ad arrivare al centro di Clavans Le Bas (mt. 1360): da qui la strada procede con pendenze modeste per oltre 1,5 chilometri, sino a Clavans Le Haut.
A questo punto comincia il duro tratto terminale della salita, completamente esposto al sole in un paesaggio dantesco di rocce e strapiombi. La strada disegna numerosi e sinuosi tornanti, l'occhio va da una parte a schivare le numerose pietre cadute sulla carreggiata e dall'altra a rimirare gli splendidi panorami che ci vengono offerti sul massiccio des Ecrins e le sue vette ancora ammantate di neve. Le pendenze vanno via via crescendo, si passa dal 7% all'uscita di Clavans Le Haut  al 10% dei tre chilometri conclusivi dopo le baite di Le Perron (mt 1617, km 8,6)
Con un ultimo sforzo guadagniamo la sella del Col de Sarenne, a mt. 1999: il luogo è sperduto e solitario,  a pochi metri un rifugio (che troveremo chiuso) e niente altro.
La strada prosegue dapprima in discesa per 3,2 km  e poi con un susseguirsi di saliscendi a strapiombo sulle Gorges des Sarenne (prestare attenzione ai numerosi ruscelli che attraversano la strada, in prossimità dei quali l'asfalto cede il posto a rudimentali scolatoi in pietra e cemento),per  raggiungere infine l'altiporto dell'Alpe d'Huez, alla quota max. di mt. 1870. Da qui una veloce discesa  tocca  i complessi alberghieri del Club Mediterranèe per raggiungere infine la mondana Alpe d'Huez da cui si può ritornare a Bourg d'Oisans seguendo la bellissima strada teatro di epiche sfide al Tour de France.

 

 

 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information