Home Cicloturismo
Susten Pass - da Wassen PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Sabato 14 Agosto 2010 17:16

  Clicca per vedere l'altimetria

Località di partenza:
Wassen mt. 916
Località di arrivo:
Susten Pass mt 2224
Lunghezza:
km. 17,4
Dislivello:
mt. 1308
Pendenza media:
7,5 %
Pendenza max. rilevata (riferita a tratti di 100 mt):
13%
Stato del manto stradale:
Buono
Eventuali deviazioni che si possono compiere:
L'anello Susten-Grimsel-Furka: una cavalcata emozionante in un paesaggio da favola
Data della ricognizione:
mercoledì 25 luglio 2001

La salita nel dettaglio

La lunga cavalcata sulle Alpi Svizzere  che ci ha visti partire da Oberwald per affrontare il Furka Pass prevede come seconda fatica della giornata il Susten Pass: una salita che lascia il segno, da affrontare con molta calma e regolarità visto la lunghezza e la pendenza media da non sottovalutare. Lo straordinario spettacolo dello Steingletscher che ci aspetta sull'altro versante del valico ci farà però presto dimenticare le fatiche facendoci rimanere a bocca aperta: un paesaggio di rara bellezza....

La lunga discesa iniziata dal Furka finisce a Wassen, piccolo paesino lambito dalla superstrada del Gottardo, dove seguiamo le indicazioni per Innertkirchen: ci si alza di quota immediatamente con pendenze attorno all'8% e dopo aver superato alcuni tornanti ed una galleria paravalanghe entriamo senza indugi nella Meintal. Il paesaggio è quello tipico svizzero, da cartolina illustrata per intenderci: prati verdissimi,  mucche al pascolo, tutto sembra essere messo lì secondo un ordine prestabilito.
Tornando alle nostre fatiche ciclistiche, ci attende  una lunga ed estenuante   cavalcata su una strada dalle condizioni perfette che si alza progressivamente di quota correndo lungo i fianchi della vallata senza alcun tornante: le pendenze sono di una regolarità disarmante (max 7-8%),   ma non vi sono nemmeno tratti in cui prendere fiato salvo un breve momento di tregua al km. 5 dopo aver attraversato il paesino di Dortli. La completa esposizione al sole rende le cose ancora più problematiche (si consiglia di fare un adeguato rifornimento idrico all'inizio della salita e lungo le fontane che si incontrano)

Via via che ci si alza di quota il paesaggio diventa più alpino e gettando l'occhio sulla nostra sinistra  in alto scorgiamo  le cime del Sustenhorn e del Titlis: si nota anche il vecchio tracciato della strada che risale a tornanti il costone della montagna. Noi invece proseguiamo senza l'ombra di un tornante sino ad attraversare il ponte di Gorezmetlen, dopodichè il tracciato vira decisamente a ovest per affrontare l'ultima parte della salita, dove troviamo finalmente alcuni tornanti che ci fanno rapidamente guadagnare quota. La mole del Sustenhorn incombe imponente di fronte a noi prima di entrare nella galleria di valico al km. 17. Le nostre fatiche sono terminate, un ultimo sguardo sulla strada appena percorsa e ci tuffiamo in lieve discesa nel tunnel (circa 300 metri, bene illuminato) che ci consente di sbucare sull'altro versante ove è situato il passo vero e proprio. Un accogliente rifugio consente di rifocillarsi e ripararsi in caso di cattivo tempo: da notare che chi vuole raggiungere il valico geografico vero e proprio (quotato a mt. 2259) deve compiere un piccolo supplemento di dura salita (circa 300 metri) lungo la stradina asfaltata che si diparte sulla sinistra a fianco del rifugio. Ne vale la pena però, perchè si può godere una magnifica vista sulla Meintal che abbiamo appena percorso.

Non perdetevi la discesa verso Innertkirchen perchè dopo poche centinaia di metri dal passo vi attende la straordinaria visione del ghiacciaio dello Steingletscher che si tuffa nelle acque di un laghetto cristallino: un panorama stupendo che vale da solo la fatica della salita.
La lunga discesa continua con numerose gallerie brevi e non illuminate sino al paesino di Steingletscher, dopodichè ci attendono lunghi e veloci rettilinei sino a Gadmen, indi Nessental e finalmente Innertkirchen a quota 625 metri.

La lunga e interminabile salita al Grimsel Pass ci attende, ma per chi fosse a corto di energie va segnalato che gli efficientissimi bus postali svizzeri effettuano anche il servizio di trasporto biciclette con un apposito carrellino portabici al traino. Quando si dice l'efficienza svizzera......!!!

 

 

 

Ultimo aggiornamento Sabato 14 Agosto 2010 17:36
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information