Home Le salite del VCO-Valsesia
Alpi di Noveis - da Coggiola PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Venerdì 16 Luglio 2010 15:37

   Clicca per vedere l'altimetria

Località di partenza:
Coggiola, bivio per Ape Noveis, mt. 514
Località di arrivo:
Alpe di Noveis, mt 1110
Lunghezza:
km. 9,2
Dislivello:
596 mt
Pendenza media:
6,5 %
Pendenza max. rilevata (riferita a tratti di almeno 100 mt):
12 % (al km 5,2 tra Viera e Piane)
Stato del manto stradale:
Buono, la strada è stata recentemente riasfaltata (segnalazione del febbraio 2000)
Eventuali deviazioni che si possono compiere:
Dalla Sella di Noveis si scende sul versante di Crevacuore per fare poi ritorno a Coggiola passando per Pray. Da Coggiola infine si può salire a Bielmonte-Panoramica Zegna
Eventuali suggerimenti per la visita:
"Svizzera del Biellese" è una delle definizioni che ritroviamo sulle cartoline d'epoca che raffigurano le Alpi di Noveis. Un secolo fa, l'aspetto di questo piccolo e movimentato altopiano addossato alle balze più impervie del Monte Barone era ben diverso dall'attuale. La maggior parte del terreno, oggi ricoperto dalle felci e dalla vegetazione spontanea, era tenuto con cura a pascolo e prato. Le costruzioni erano le tipiche "tegge" valsesserine, di modeste dimensioni, con i muri costruiti in pietra e i tetti di legno dalla forte pendenza ricoperti di paglia: gli alpigiani offrivano, oltre ai loro prodotti, la possibilità di ristoro e anche di alloggio. Nasceva così in questo modo la vocazione turistica di Noveis.Oggi, dopo decenni di degrado e di abbandono, gli alpeggi tornano ad animarsi, e l'intento è quello di recuperare gli aspetti ambientali che ancora il luogo possiede.

 

La salita nel dettaglio

Sebbene meno impegnativa del versante da Crevacuore, la salita alle Alpi di Noveis da Coggiola rappresenta comunque un discreto banco di prova per il ciclista mediamente allenato.
Punto di partenza  è la cittadina di  Coggiola (mt 495), importante centro dell'industria tessile che sorge sulla riva sinistra del torrente Sessera: giungendo da Crevacuore-Pray  si attraversa l'intero centro urbano sino ad incontare, quasi all'uscita del paese, il bivio sulla sinistra con le indicazioni per Viera, Piane e Noveis, dove iniziamo i nostri rilievi altimetrici.
La salita nel suo tratto iniziale si presenta molto regolare, con pendenze che si assestano quasi costantemente attorno al 6%: ci si alza di quota con alcuni ampi tornanti dai quali si gode una bella veduta sulla cittadina e si toccano le frazioni alte di Coggiola, aggrappate alle pendici del Monte Barone: Castello di Viera (km. 3 mt. 703), Rivò e Biola (km. 5 mt 814).
Il tratto che precede la frazione di Piane è il più insidioso della scalata, e si affrontano alcune dure rampe attorno al 10-12% in corrispondenza del km 5,2: non rappresentano comunque ostacoli insormontabili vista la loro brevità. La strada prosegue poi a mezzacosta, con pendenze che vanno via via diminuendo,  con ottimi panorami sui verdi pascoli degli alpeggi di Piane e di Noveis, dove giungiamo al km. 9,2


JavaScript deve essere attivo per utilizzare Google Maps.
Sembra infatti che JavaScript sia disabilitato o non supportato dal tuo browser.
Per visualizzare le Google Maps, attiva JavaScript modificando le opzioni del tuo browser e poi riprova.

Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Luglio 2010 16:20
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information