Home Le salite del VCO-Valsesia
Ferruta - da Borgosesia PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Venerdì 16 Luglio 2010 16:34

Le frazioni alte di Borgosesia sono una vera manna per il ciclista in cerca di strade tranquille e poco trafficate: difficilmente capita di incontrare auto pedalando tra queste minuscole frazioni abbarbicate sui rilievi montuosi del M. San Grato. La frazione più alta che si incontra è quella di Ferruta, a quota 689 mt, raggiungibile da due diversi versanti, entrambi molto interessanti dal punto di vista ciclistico. Le difficoltà minime e la bassa quota raggiunta rendono questi percorsi ideali nella fase di preparazione invernale e primaverile, quando si vogliono fare i primi "test" di valutazione in salita: ma anche al più agguerrito cicloamatore non potrà certo sfuggire il senso appagante di tranquillità che si respira pedalando tra questi borghi.

   Clicca per vedere l'altimetria

Variante di Rozzo

Località di partenza:
Frazione Rozzo di Borgosesia mt. 380
Località di arrivo:
Ferruta mt. 689
Lunghezza:
km. 5,9
Dislivello:
mt 309
Pendenza media:
5,2 %
Pendenza max. rilevata (riferita a tratti di almeno 100 mt):
10% (breve rampa di 100 mt. all'ingresso di Ferruta, al termine della salita)

La salita nel dettaglio

Si parte dalla frazione di Rozzo, raggiungibile dal centro di Borgosesia seguendo le indicazioni per l'ospedale ed il cimitero: qui giunti si devia a sinistra, raggiungendo in piano la frazione di Rozzo, dalla quale si diparte la strada delle frazioni alte (seguire i chiari cartelli segnaletici).
La salita è sempre molto dolce, e tocca diverse minuscole frazioni, alcune delle quali parzialmente disabitate nei giorni feriali: si entra e si esce spesso dal bosco, con ampie vedute su Borgosesia ed il Monte Fenera. Da segnalare la presenza di alcune belle chiesette ed edicole votive lungo il percorso.
Appena fuori Orlongo (km. 4,9 -mt. 642), un bivio seminascosto sulla destra porta ad Allera e da qui a Carega-Cellio: la strada principale prosegue invece nel suo ultimo tratto - ora con pendenze più accentuate - sino a raggiungere la frazione di Ferruta(km. 5,9 - mt. 689), che si raggiunge con un'ultima  rampa di 150 metri al 10%.
Si può ritornare a Borgosesia percorrendo a ritroso l'altra variante di Caneto-Lovario, oppure, giunti al bivio di Valmaggiore, si può agevolmente scendere a Quarona e quindi fare ritorno a Borgosesia lungo la statale che costeggia il Sesia.

   Clicca per vedere l'altimetria
Variante di Caneto-Lovario(vedi altimetria)

Località di partenza:
Frazione Caneto di Borgosesia mt. 395
Località di arrivo:
Ferruta mt. 689
Lunghezza:
km. 4,7
Dislivello:
mt 294
Pendenza media:
6,3 %
Pendenza max. rilevata (riferita a tratti di almeno 100 mt):
11% (breve rampa di 150 mt. tra le frazioni Prina e Ferruta nel tratto conclusivo della salita)
Stato del manto stradale:
Ottimo, rifatto ex novo nell'estate 1999: rimane ancora piuttosto dissestato il tratto tra Orlongo e Ferruta. Prestare la dovuta attenzione in discesa, specie nel periodo autunnale quando la strada è letteralmente tappezzata dal fogliame.
Eventuali deviazioni che si possono compiere:
Oltre a chiudere l'anello su Borgosesia, una interessante deviazione è quella che consente di scendere da Lovario a Valmaggiore: qui si attacca la bella salita che porta a Cavaglia e al Colle di San Bernardo di Breia, dal quale si scende verso Cellio e Borgosesia.

La salita nel dettaglio

Decisamente più impegnativa nel suo tratto iniziale, la salita a Ferruta da questo versante inizia a Caneto, piccola frazione che si può raggiungere in piano da Rozzo (vedi variante precedente), oppure da Vanzone (in questo caso si deve uscire da Borgosesia verso Quarona, e poco oltre l'Hotel Campagnola si prende a destra in salita, seguendo le chiare indicazioni).
Da Caneto la salita attacca subito con decisione affrontando alcuni difficili ma divertenti tornanti al 9%: la vegetazione è molto rigogliosa ed è un piacere pedalare in questo verde. Dopo aver superato Bastia (km.2,5 - mt. 585) si affronta un breve tratto pianeggiante, per poi ricominciare a salire verso  Lovario , ove spicca la bella parrocchiale. Superate le strette viuzze del borgo si giunge al bivio per Valmaggiore (km. 3,5 - mt. 620) che consente di scendere a Quarona: continuando invece in salita sulla destra si superano le frazioni di Cardolino e Brina, per giungere infine - dopo aver superato un breve impegnativo tratto all'11% - alla piazza di Ferruta (km. 4,7 - mt. 689). Si può ritornare a Borgosesia scendendo sull'opposto versante di Orlongo, Cadegatti e Rozzo

 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information