Home Cicloturismo Le salite del VCO-Valsesia
Rimella (Val Mastallone) - da Varallo Sesia PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Martedì 20 Luglio 2010 16:08

  Clicca per vedere l'altimetria

Località di partenza:
Varallo Sesia. mt 455
Località di arrivo:
Rimella-Fraz. San Gottardo mt. 1327
Distanza:
km. 25,5
Dislivello:
mt. 895
Pendenza media:
3,5 %
Pendenza max. rilevata (riferita a tratti di 100 mt):
11 %
Stato del manto stradale:
Buono
Eventuali deviazioni che si possono compiere:
Al Ponte Due Acque si può seguire la diramazione principale della Val Mastallone che porta a Fobello e a S.Maria (mt. 1095): dal bivio sono 5,4 km di salita mediamente impegnativa (pendenza media del 6% circa)
Data della ricognizione:
9 settembre 2001

La salita nel dettaglio

Una salita lunga, piacevole, che percorre una valle verdissima e solitaria: adatta alle stagioni intermedie, per preparare il fondo lungo in primavera oppure - come nel mio caso - per ritemprarsi dopo una stagione impegnativa trascorsa sulle "alte vette": certamente è l'autunno la stagione migliore per godere appieno del paesaggio...

La Val Mastallone, solcata dalle acque dell'omonimo torrente, è la più lunga tra le valli laterali del Sesia, in cui confluisce alla periferia nord di Varallo. Proprio da qui partiamo per una lunga e solitaria cavalcata che nel tratto iniziale è di assoluto riposo: lunghi rettilinei in falsopiano ci permettono di salire piacevolmente di quota senza alcun problema.
La strada segue il corso del torrente Mastallone, che in alcuni punti ha scavato profonde forre: le pareti rocciose ai lati della strada sono soggette a continue frane e spesso capita che vi siano lavori di consolidamento in corso, specie nei pressi del Ponte della Gula.
Si superano alcuni piccoli centri (Bocciolaro, Cravagliana, Saliceto e Ferrera) dove il tempo sembra essersi fermato: giunti al Ponte Due Acque (km. 16, mt 783) troviamo il bivio per Fobello: da qui in poi la salita si fa più decisa, costringendoci per la prima volta ad innestare il "39". E' un tratto  particolarmente suggestivo, ma anche estremamente pericoloso in caso di  maltempo. La strada infatti si restringe notevolmente e   scorre senza protezioni  tra le acque spumeggianti del torrente e  profonde pareti di roccia friabile soggetta a frane e smottamenti: non è raro trovare frammenti di roccia sulla sede stradale, che pertanto è piuttosto tormentata e dissestata. Dopo alcuni lunghi rettilinei giungiamo infine alle porte di Rimella, scavalcando il torrente nei pressi della chiesetta cosiddetta "del Rumore": la prima frazione che incontriamo è quella di Grondo (km. 19,5 mt 964), proprio in corrispondenza del primo tornante. La pendenza ora in alcuni tratti si fa sentire: nulla di trascendentale ben inteso, ma se abbiamo esagerato con i rapportoni nel tratto iniziale possiamo trovare qualche difficoltà, specie appena prima della frazione di Chiesa dove sono situate alcune brevi rampe attorno al 10%. Il paesaggio è sempre verdissimo, le poche case non sminuiscono l'aspetto selvaggio della vallata che, dopo la frazione di Villa Superiore, punta decisamente verso la corona di montagne che fanno da confine con la Val Strona alla testata della HenderwasserTal. Si scollina a 1350 metri prima di percorrere un piacevole tratto pianeggiante e poi di discesa che conduce alla frazione di San Gottardo (km 25,5 mt 1327), dove finisce anche la strada.

 


JavaScript deve essere attivo per utilizzare Google Maps.
Sembra infatti che JavaScript sia disabilitato o non supportato dal tuo browser.
Per visualizzare le Google Maps, attiva JavaScript modificando le opzioni del tuo browser e poi riprova.

Ultimo aggiornamento Martedì 20 Luglio 2010 16:12
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information