Home Le salite del VCO-Valsesia
Alpe Ompio - da Santino PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Mercoledì 21 Luglio 2010 08:22

  Clicca per vedere l'altimetria

Località di partenza:
Bivio per Santino mt 275
Località di arrivo:
Alpe Ompio mt 940 (termine strada carrozzabile)
Lunghezza:
km. 8,4
Dislivello:
665 mt
Pendenza media:
7,9%
Pendenza max. rilevata (riferita a tratti di almeno 100 mt):
16% nel penultimo chilometro di ascesa
Stato del manto stradale:
Discreto nella prima parte: l'ultimo tratto invece è abbastanza disastrato e spesso invaso da fogliame e detriti
Eventuali deviazioni che si possono compiere:
La carrozzabile termina all'Alpe Ompio: occorre quindi ritornare a Santino, dove si aprono numerose possibilità di itinerari: vista la vicinanza si può salire a Rovegro e quindi a Cicogna, la piccola "capitale" della Valgrande.

La salita nel dettaglio

Una salita ostica, a dispetto della sua brevità: i due chilometri finali presentano infatti una pendenza media del 11% con numerose rampe superiori al 15%. Il periodo migliore per affrontare questa ascesa è decisamente l'autunno, quando i boschi si colorano di tinte bellissime e il cielo terso consente di godere appieno dei maestosi panorami offerti.

La salita inizia al bivio per Santino-Rovegro sulla provinciale che collega Intra a San Bernardino Verbano: si può agevolmente raggiungere questo punto anche dalla crociera di Fondotoce, seguendo le indicazioni per San Bernardino Verbano (in tal caso si deve però affrontare una discreta porzione aggiuntiva di salita per portarsi da Fondotoce a Bieno, cui segue una veloce discesa sino al bivio di Santino).
Si affronta  un primo tratto di 800 mt assolutamente tranquilli che porta al centro di Santino, dove si seguono le evidenti indicazioni per l'Alpe Ompio: appena lasciate le ultime case ci aspetta un primo durissimo tratto  mozzafiato di 500 mt dove le pendenze sfiorano il 13%, che termina in corrispondenza del bivio per Bieno. Da questo punto in poi la salita diventa decisamente abbordabile per un chilometro e mezzo, sino a raggiungere le case della località Salvoria (km. 3 - mt. 452). Quindi a seguire ci aspetta  un altro chilometro molto impegnativo (10%) sino all'Alpe di Cima Vella (km. 4 - mt 559).Man mano che ci si alza  di quota il panorama  diviene superbo, dominando tutta la piana di Fondotoce con il lago di Mergozzo ai propri piedi.
La strada è abbastanza esposta e le condizioni dell'asfalto peggiorano decisamente: si procede con pendenze lievi sino al km. 5,5, dove inizia il durissimo tratto finale: la strada si impenna improvvisamente affrontando alcuni stretti tornantini, e si inoltra nel fitto sottobosco di castagni: nella stagione autunnale i colori sono splendidi e si pedala praticamente su un tappeto di foglie e di ricci. Occorre dosare attentamente le proprie forze per superare questo tratto insidioso, ma con adeguati rapporti (vivamente consigliato il 39x26) si supera anche qust'ultimo scoglio. Gli ultimi 500 metri della salita sono decisamente abbordabili, e la strada raggiunge il crinale della montagna, dal quale si gode una vista maestosa sulla selvaggia Val Grande, dominata dalle cime del Pedum e del Monte Zeda. Solitario si ammira anche il paesino di Cicogna, abbarbicato alle pendici della montagna.
Le nostre fatiche finiscono di fronte ad una staccionata che sbarra l'accesso alle auto: di fronte a noi una splendida conca prativa circondata da boschi rigogliosi.   Lasciata qui la bici si può proseguire a piedi su un bel sentiero che consente di giungere in 10 minuti al Rifugio Fantoli del CAI, unico punto di ristoro.
In discesa occorre prestare molta attenzione nel tratto iniziale, soprattutto nel periodo autunnale quando le foglie rendono estremamente problematica la tenuta di strada in caso di pioggia o cattivo tempo.

 

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 21 Luglio 2010 13:12
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information