Home Cicloturismo Le salite del VCO-Valsesia
Lago di Campliccioli (Antrona) - da Villadossola PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Venerdì 23 Luglio 2010 17:21

   Clicca per vedere l'altimetria
Località di partenza:
Villadossola, mt 257
Località di arrivo:
Lago di Campliccioli mt 1356
Lunghezza:
km. 22,7
Dislivello in salita:
mt. 1114 mt
Pendenza media:
4,9 %
Pendenza max. rilevata (riferita a tratti di 500 mt):
12%
Stato del manto stradale:
Buono
Eventuali deviazioni che si possono compiere:
Salita a fondo cieco, ma che può facilmente essere abbinata a quella che porta a Cheggio: ritornati sui propri passi sino ad Antrona Piana basta seguire le chiare indicazioni stradali. La salita da Antrona a Cheggio è di ragguardevole impegno (7,5 km al 8,1% di media). Prossimamente qui potrete trovare la recensione anche di questa salita....

La salita nel dettaglio


Tra le valli dell'Ossola, Antrona è sicuramente una delle meno sfruttate e conosciute turisticamente: ciò ha consentito di mantenere un ambiente genuino e selvaggio, coronato da  fitte abetaie e contraddistinto soprattutto  per la presenza di numerosi laghi, naturali e artificiali: la salita che andiamo a descrivere percorre in tutta la sua lunghezza la valle, da Villadossola nella piana del Toce, sino al ramo che fa capo al bacino artificiale di Campliccioli. Giunti infatti ad Antrona Piana, il principale centro, la valle si divide in due rami, quello del Loranco sulla destra (che porta al lago dei Cavalli e a Cheggio) e del Troncone sulla sinistra, che porta dapprima al lago di Antrona (originatosi dopo una enorme frana nel 1642) e quindi al lago di Campliccioli. L'impegno ciclistico richiesto per questa salita è tutto sommato modesto: solo l'ultimo tratto dopo Antrona Piana infatti riserva pendenze considerevoli e costanti: vista però la lunghezza complessiva è necessario dosare adeguatamente le proprie energie....

Villadossola, operoso centro industriale alle porte di Domodossola, è il punto di partenza per la scoperta della Valle Antrona. La salita inizia subito decisa a ridosso della città, e i primi tre chilometri richiedono un discreto impegno, toccando le frazioni di Noga e di Boschetto: tranquilli però, perchè passato questo tratto la strada prosegue con pendenze modestissime ed anche alcuni tratti di lieve discesa dopo Viganella, sino al ponte sul torrente Ovesca. Siamo passati ora sul versante opposto della valle, accompagnati da buona ombra, e le pendenze rimangono abbordabili sino a San Pietro (km. 11 mt 634): il successivo tratto di salita che porta ad Antrona Piana presenta invece difficoltà crescenti, soprattutto dopo la centrale idroelettrica di Locasca, dove incontriamo i primi tornanti con punte di pendenza vicine al 10%. Al km. 16 siamo ad Antrona Piana (mt. 902): occorre prestare attenzione al primo bivio sulla sinistra (che reca le chiare indicazioni per il lago di Antrona), dove si deve svoltare superando un ponticello in legno. Pedaliamo ora immersi in un bellissimo bosco di betulle e larici, in una atmosfera magica e in un silenzio quasi irreale: la strada inizia a risalire con decisione in un susseguirsi di tornanti e brevi rettilinei, sino a sbucare in una larga radura (punti di ristoro) nei pressi del lago di Antrona, che raggiungiamo con una brevissima discesa (km. 19 mt 1120). Pochi attimi per godere della meravigliosa vista del lago e dello splendido scenario di rocce che lo circonda e siamo di nuovo in piedi sui pedali per superare le ultime difficoltà che ci dividono dalla nostra meta: la strada si alza ora con decisione e senza alcun attimo di respiro, superando numerosi tornantini molto stretti e divertenti. Le pendenze sono pronunciate (due chilometri vicini al 10%) e richiedono un impegno costante: un breve tratto di falsopiano e di discesa poi prelude all'ultima rampa che ci consente di  raggiungere il lago di Campliccioli (km 22,7 mt 1356). Per godere appieno della bellezza del posto conviene attraversare lo sbarramento in direzione della casa dei guardiani: il panorama è stupendo, da un lato le acque blu del lago coronate da splendide cime, dall'altro verso valle il sottostante lago di Antrona e, in fondo, il paese di Antrona Piana.
La discesa richiede attenzione, soprattutto nel primo tratto sino al lago di Antrona, per la presenza di terriccio e per l'asfalto in condizioni precarie.

 


JavaScript deve essere attivo per utilizzare Google Maps.
Sembra infatti che JavaScript sia disabilitato o non supportato dal tuo browser.
Per visualizzare le Google Maps, attiva JavaScript modificando le opzioni del tuo browser e poi riprova.

Ultimo aggiornamento Sabato 24 Luglio 2010 12:13
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information