Home Le salite del VCO-Valsesia
Alpe Coipo - da Montecrestese (Pontetto) PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Lunedì 26 Luglio 2010 14:22

   Clicca per vedere l'altimetria
Località di partenza:
Pontetto di Montecrestese mt. 340
Località di arrivo:
Alpe Coipo mt 1436 (termine rilievi  al bivio per Alagua-Giovera)
Lunghezza:
km 11,4
Dislivello:
1096 mt
Pendenza media:
9,6%
Pendenza max. rilevata (riferita a tratti di almeno 100 mt):
15%
Stato del manto stradale:
Buono
Eventuali deviazioni che si possono compiere:
Dal termine dell'asfalto a Coipo (bivio per Alagua) la strada prosegue per 1,5 km sino all'Alpe Giovera Superiore (mt 1624)
Data della ricognizione:
11 giugno 2004

Aggiornamento del 27 settembre 2011: L'amico Gigi Cherubini mi conferma che la salita è ora completamente asfaltata sino all'Alpe Giovera Superiore

La salita nel dettaglio

Un'altra perla dell'Ossola: dopo aver scoperto pochi giorni fa l'Alpe Pescia eccomi in ricognizione lungo la valle Isorno alla volta degli alpeggi di Coipo e Giovera. Le mie informazioni parlavano di salita parzialmente asfaltata, e così - munito di mountain bike - eccomi anche questa volta di fronte alla sorpresa (gradita ma fino ad un certo punto) di trovare un manto di asfalto pressochè perfetto a ricoprire una interpoderale che sino a pochi anni fa era interamente sterrata. Ed eccomi qui a commentare un'altra salita micidiale dal doppio volto: gentile sino ad Altoggio, crudele oltremisura nella parte successiva sino a Coipo. Attenti salitomani, vi aspettano sei chilometri di sofferenza pura al 12% di pendenza media......

Per raggiungere Pontetto, punto di partenza della salita, occorre seguire da Domodossola le indicazioni per la Val Vigezzo e Masera. All'imbocco della valle si passa il ponte sul Melezzo e si giunge a Masera, dove si prosegue in lieve salita su di un lungo rettilineo (a metà del quale si stacca sulla destra il bivio per la salita all'Alpe Pescia) sino a passare un ponte, dopo il quale la strada inizia a scendere. L'attacco della salita è proprio subito dopo il ponte, sulla destra (seguire le indicazioni per Montecrestese capoluogo).
Si sale subito in maniera decisa, sfilando le numerose frazioni di Montecrestese, su strada ampia e completamente esposta al sole. Dopo circa 1,5 chilometri un bivio nei pressi di una chiesetta riporta le indicazioni per Altoggio: svoltiamo a destra, ora l'ambiente si fa via via più bucolico attraversando in piano le case di Giosio ed altre piccole frazioni molto ordinate con numerosi terrazzamenti coltivati. Non mancano le fontanelle, disseminate tra le case: superata la frazione di Naviledo la strada finalmente concede un po' di frescura entrando nel bosco.
Giungiamo al km 5,1 ad un bivio evidente con una strada in discesa che non riporta indicazioni ma che comunque conduce a Nava e a Montecrestese capoluogo (eventualmente può essere una alternativa per il ritorno). Noi proseguiamo sempre in salita sino ad entrare nella bella piana di Altoggio: non si entra nemmeno in paese, poichè al km 5,5 -   nei pressi di un parco giochi - troviamo subito il bivio  con le indicazioni per Coipo e Agarina.
Svoltiamo dunque a sinistra, ben consapevoli di quanto ci aspetta: sei chilometri terrificanti al 12% di pendenza media! Lasciamo sfilare in basso le case di Altoggio, dai caratteristici tetti in beola, e ci alziamo rapidamente di quota sino ad incontrare nei pressi di un tornante il bivio per Agarina (km 6,5 mt 846): inizia qui  il tratto più massacrante dell'ascesa, con l'aggravante costituita dall'esposizione quasi costante al sole (rari i tratti nel bosco che garantiscono ombra). Tra il km 7 ed il km 7,5 la pendenza media è del 14%: quasi non ci accorgiamo della presenza di una cappelletta votiva (Cappella dei Genovesi q. 976). Al km 8,9 scorgiamo sopra di noi la piccola chiesetta di S.Lucia (mt 1156): la strada  ora si alza su di un crinale spoglio punteggiato da grossi massi e qualche rada betulla. Il colpo d'occhio sulle montagne circostanti e sulla piana ossolana sotto di noi è veramente notevole: in particolare il Monte Cistella, dalla sua caratteristica forma a cono tondeggiante, ci strizzerà l'occhio per il resto delle nostre fatiche. Già, perchè si continua a salire inesorabilmente, anche se non manca ora qualche breve tratto ove si può rifiatare. Al km  10,3 giungiamo nei pressi dell'Alpeggio Bertolini (mt 1328): la strada corre ora in cresta a fianco delle baite, e la pendenza diminuisce un poco (per intenderci siamo attorno al 10%!!). E' questo il tratto più remunerativo dell'ascesa, quello che ci fa riconciliare delle fatiche spese: ancora un chilometro e siamo finalmente all'alpeggio di Coipo, preannunciato da un cartello e da una fontana cui dissetarsi(km 11 mt 1389). Proseguiamo ancora per poche centinaia di metri sino ad affacciarci sull'ampia radura punteggiata da bei caseggiati ristrutturati ed al km 11,4 l'asfalto si interrompe nei pressi di un tornante e di un bivio che riporta le indicazioni per Alagua. RIteniamo di concludere i rilievi altimetrici a questo punto, quotato sulla carta IGM a mt. 1436
In realtà l'asfalto continua, anche se a macchia di leopardo, anche sulla direttrice principale che tocca prima l'Alpe Giovera di Sotto (km 12,1 mt 1528) : è sconsigliabile arrivare sin quassù con la specialissima poichè l'ultimo tratto è molto dissestato. Ma è un vero peccato, perchè la bellezza del luogo è a dir poco incantevole: l'ultimo tratto di salita si svolge in una freschissima pineta, sino a sbucare sul vasto pianoro dell'Alpe GIovera di Sopra (km 12,95 mt 1615). Il silenzio e la tranquillità qui regnano sovrani, una vera oasi di pace a due passi dalla città: ma che faticaccia, ragazzi!!

La discesa richiede molta attenzione, poichè le protezioni verso valle sono molto scarse e le velocità raggiunte notevoli: vale la pena - giunti ad Altoggio - visitare il centro della frazione e la piccola chiesetta, splendidi esempi di architettura ossolana in pietra. SI può optare per la discesa a valle prendendo per  Nava e Montecrestese voltando a destra sul tornante che precede l'ingresso ad Altoggio.
Ah, dimenticavo: se volete scoprire la valle Isorno basta seguire, poco prima di entrare in Altoggio, le indicazioni per Agarina. La strada prosegue asfaltata alle volte dell'alpe Morzone per poi proseguire a mezzacosta lungo il solco di questa valle selvaggia e pressochè disabitata: prossimamente andrò in ricognizione, restate sintonizzati!!

 


JavaScript deve essere attivo per utilizzare Google Maps.
Sembra infatti che JavaScript sia disabilitato o non supportato dal tuo browser.
Per visualizzare le Google Maps, attiva JavaScript modificando le opzioni del tuo browser e poi riprova.

Ultimo aggiornamento Sabato 05 Novembre 2011 14:07
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information