Home Cicloturismo Le salite del VCO-Valsesia
Mottarone - da Gignese PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Domenica 11 Luglio 2010 17:28

  Clicca per vedere l'altimetria

Località di partenza:
Gignese mt. 674
Località di arrivo:
Mottarone, piazzale sterrato partenza skilift mt. 1455
Lunghezza:
km. 11,6
Dislivello:
mt. 781
Pendenza media:
6,7%
Pendenza max. rilevata (riferita a tratti di almeno 100 mt):
13% (nei pressi della località Alpino di Gignese)
Stato del manto stradale:
Discreto, lascia un po' a desiderare la manutenzione dell'ultimo tratto, specie dopo le rigide gelate invernali, ma in salita non vi sono problemi
Eventuali deviazioni che si possono compiere:
Ritornati sui propri passi, nei pressi del tornante (monumento alla memoria dei ciclisti borgomaneresi Formara e Piemontesi), si prende a destra in direzione di Armeno, che si raggiunge con una velocissima discesa (attenti a non farvi prendere la mano). Da qui si può ritornare a Gignese attraverso la SP39 dell'Alto Vergante, oppure salire a Coiromonte ed innestarsi poi sulla provinciale all'altezza di Sovazza.
Eventuali suggerimenti per la visita:
A Gignese si può visitare il curioso Museo dell'Ombrello.

 

La salita al Mottarone da Gignese è leggermente meno impegnativa rispetto al versante cusiano, grazie al lungo tratto di discesa che si incontra subito dopo la casetta del pedaggio. E' anche meno panoramica, in quanto si snoda in gran parte nella fitta vegetazione che ricopre le pendici del Mottarone esposte verso il Verbano: il fascino della salita è proprio questo, ci si trova infatti a pedalare immersi nelle fitte e silenziose abetaie che rendono l'atmosfera quasi surreale. Anche il traffico automobilistico è molto più scarso e ciò rende la salita ancora più appetibile, anche in piena estate vista l'ombra abbondante.
Da rilevare inoltre che si può attaccare la salita direttamente da Stresa (o da Baveno), e in tal caso la lunghezza diventa l'elemento più importante, infatti:
Stresa-Mottarone: 20,1 km con una pendenza media del 6,3%

La salita nel dettaglio

L'imbocco della salita al Mottarone si trova sul rettilineo che da Gignese porta verso il Campo da Golf, sulla destra giungendo da Stresa. Ci troviamo subito a confrontarci con il tratto più duro dell'intera ascesa, con alcune rampe al 13% che portano alla bella frazione di Alpino. Un breve tratto pianeggiante che consente di ammirare le belle ville della località e quindi si riprende a salire in un fitto bosco di conifere, con una dura rampa appena prima del Camping 7 Camini: un'altra dura rampa e siamo nei pressi della casetta di pedaggio (la strada "Borromea" è privata e le auto devono pagare il biglietto, le bici fortunatamente no...). Ci aspetta ora un chilometro di discesa molto rilassante che ci consente di ammirare la splendida flora alpina del parco del Mottarone: indi la strada riprende a salire dolcemente, si passa la freschissima Fonte Vitaliana e si continua per un altro chilometro tranquillo. Le pendenze cominciano a diventare importanti nell'ultimo tratto, quando si entra nella fitta abetaia in corrispondenza della Fonte Federica: la strada è ombrosissima ed offre al ciclista pochi spunti panoramici, ma in breve si giunge al bivio con la provinciale che sale da Armeno, e qui l'orizzonte si apre su un panorama idilliaco che abbraccia i due laghi e l'intera pianura novarese. Un ultimo duro chilometro con pendenze superiori al 10% e siamo infine in vetta, al piazzale di partenza degli skilift: da segnalare, per i più temerari, la possibilità di salire proprio sino alla vetta del Mottarone (mt. 1491), seguendo la ripida strada di servizio dei ripetitori Telecom che si imbocca proseguendo oltre il piazzale per circa 400 mt (seguire le indicazioni per la funivia e l'Hotel Eden)

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 12 Luglio 2010 12:38
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information