Home Mountain Bike
MTB: Mont Fortin-La Thuile PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Domenica 21 Agosto 2011 20:28

Mont Fortin: vista sul Bianco

Località di partenza e arrivo:
La Thuile mt 1450
Lunghezza:
km. 34
Dislivello in salita:
mt. 1300 ca
Quota max:
mt. 2758 - Mont Fortin
Durata: 5 h ca
Avvertenze:
Cartografia:
Istituto Geografico Centrale - fgl. 4 - Massiccio del Monte Bianco - 1:50.000
Riferimenti Bibliografici:
Il sito Cicloalpinismo
Scarica la traccia GPS

Non tutte le ciambelle riescono col buco... L'idea originaria per oggi era questa, ed era davvero allettante! Purtroppo mi sono giocato forse la parte più bella dell'itinerario in programma, ovvero il tratto di cresta tra il Mont Fortin ed il colle Youla: ma il caldo e la stanchezza per la sfacchinata nel Querays dell'altro giorno mi hanno indotto a volare un po'più basso, le mie gambe non avrebbero retto ad ulteriori 500 metri di risalita, perdipiù quasi interamente in "portage". Ne è uscita comunque una gita superlativa, paesaggisticamente impagabile, nel vallone di Chavannes, una vecchia conoscenza di svariati anni fa...

 

 

La giornata comincia dunque con la salita al Col Chavannes. Per la descrizione vi rimando all'apposito articolo su questo sito. Si ritorna con piacere a pedalare da queste parti, anche se i ricordi della salita sono un po' offuscati dagli anni e così - complici anche il gran caldo e la mia bici non proprio leggera - mi ritrovo a sbuffare come una locomotiva lungo le dure rampe asfaltate che portano a Porassey, all'imbocco del vallone di Chavannes.

Le cose migliorano risalendo il lungo traverso in ombra (sono le 8 del mattino...) che si inoltra nel vallone: non c'è una nuvola in cielo, e già mi immagino lo spettacolo che mi aspetta al colle. Il fondo della strada peggiora nel tratto centrale, dove le pendenze si rifanno feroci, e mi ritrovo a pedalare a velocità ridicole: ci deve essere qualcosa che non va! In realtà so quello che non va, a 50 anni non posso pretendere di essere in forma dopo che due giorni fa mi sono sparato quasi 2000 metri di dislivello, però ancora non ne sono persuaso e mi illudo di essere quello che ero vent'anni fa!!

A parte queste elucubrazioni filosofiche, proseguo mio malgrado. Ricordo che l'ultimo tratto era piuttosto facile, ed è così in effetti. Guadagno così l'ampia sella del Col Chavannes, qualche chiacchera con i pochi turisti presenti (manco a dirlo francesi..) dopodichè la giornata prosegue con la salita al Mont Fortin che ai tempi mi era ancora sconosciuta: si ripercorre a ritroso un breve tratto sino ad incontrare una palina con le indicazioni. La prima rampa non ciclabile non deve trarre in inganno: pochi metri e si è di nuovo in sella lungo un esaltante single trail che taglia a mezza costa costeggiando svariati laghetti, purtroppo in questa stagione ormai esausti. Sempre in sella si giunge sotto alle rovine del forte, ormai ben visibile: l'ultima rampa è decisamente troppo ripida per essere pedalata, ma si tratta di pochi minuti di portage prima di giungere in vetta al Mont Fortin q 2758... Qui la veduta sull'intero versante italiano del Bianco è ancora più grandiosa, gli occhi non sanno più dove guardare: la caldissima giornata mi invita ad una lunga sosta, visto che ormai ho rinunciato al progetto originale di discesa lungo il vallone dello Youla!
La discesa è divertentissima nel primo tratto: si può seguire la traccia di salita, oppure molto più divertente scendere in libertà i mai ripidi pendii e valloncelli che portano in breve alle baite di Chavannes: numerose sono le tracce di passaggio, ed è freeride allo stato puro! Il resto della discesa, guadagnato lo sterrato, è senza storia e in un lampo sono di ritorno a La Thuile in cerca di refrigerio viste le temperature tropicali....

Ultimo aggiornamento Martedì 23 Agosto 2011 15:12
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information