Home
MTB: Pogno- Superenduro PS1 PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Sabato 24 Dicembre 2011 18:56

Pogno Superenduro

Località di partenza e arrivo:
Pogno- mt 395
Lunghezza:
km. 15 ca
Dislivello in salita:
mt. 420 ca
Quota max:
mt. 870
Durata:
2h ca
Avvertenze:

Cartografia:

Riferimenti Bibliografici:

Scarica la traccia GPS

Vigilia di Natale, ma sembra di essere a marzo: folate di vento patagonico sferzano gli alberi, la temperatura è mite. La voglia di uscire è tanta, così eccomi a due passi da casa sul fantastico tracciato della superenduro di Pogno...

Sino a qualche anno fa Pogno, ridente cittadina a ridosso delle alture cusiane del lago d'Orta, era conosciuta per le sue numerose industrie del rubinetto: da qualche tempo questa fama rischia di essere offuscata da un nuovo fenomeno, quello della superenduro... Cos'è successo? In pratica un gruppo di appassionati  e volenterosi bikers, i cosiddetti "GUFI" (vedi qui il link al loro sito), si sono dati da fare ed hanno promosso - con molta maestria - il loro territorio, andando a scovare e a ripulire antichi e suggestivi sentieri ormai dimenticati: non contenti, sono riusciti a fare inserire il loro circuito nel calendario nazionale delle gare superenduro (vedi il link ufficiale), una delle  discipline più in voga ultimamente nel campo della mountain bike. Bene, complice questa cassa di risonanza a livello nazionale, ma soprattutto - aggiungo io - gli splendidi e tecnici tracciati in cui si svolgono le prove, il risultato è che ormai di sabato e domenica la piazzetta di Pogno è un brulicare di bikers di ogni provenienza: un fenomeno per certi versi analogo a quello capitato alla vicina Brusnengo con i suoi tracciati delle Rive Rosse...

La logistica semplicissima, si parcheggia nell'ampia piazzetta Motta di Pogno e si inizia a salire dolcemente su asfalto verso la Cremosina, si passa la galleria e poi subito a destra verso Zuccaro, Orsanvenzo,Valpiana, su pendenze mai eccessive. C'è tutto il tempo per guardarsi attorno e constatare con rammarico l'assenza dell'inverno, anche se siamo a quote medio collinari. Si raggiunge tranquillamente in meno di un'ora la Colma di Valpiana mt 870 e si imbocca la sterrata sulla destra, chiusa da una sbarra: ancora un breve tratto di falsopiano su un ampia forestale che porta ad una radura, e poi inizia il divertimento. Un trail fantastico, non c'è un sasso a pagarlo, curve, appoggi, contropendenze: tutto da guidare, un vero spasso...
Nel video qui sotto, girato on camera board e che vede come protagonista Davide Sottocornola, uno dei più promettenti atleti a livello nazionale della specialità,  potete valutare voi stessi la bellezza del percorso e la bravura del biker: ma anche senza essere dei marziani come Davide ci si può divertire ugualmente, e se ve lo dico io che in discesa sono una cozza potete starne certi....

Dim lights

Ultimo aggiornamento Domenica 15 Gennaio 2012 22:23
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information