Home
MTB:Avigliana-Sacra San Michele PDF Stampa Email
Scritto da fabri   
Domenica 30 Marzo 2014 19:45

Avigliana

Località di partenza e arrivo:
Avigliana-Lago Piccolo - mt 376
Lunghezza:
km. 26 ca
Dislivello in salita:
mt. 950 ca
Quota max:
mt. 905 
Durata:
3h 30min ca
Cartografia:
Bassa Valle di Susa N.4 - Fraternali Ed. 1:25.000
Riferimenti Bibliografici:
Western Trail-Cicloalpinismo nelle valli di Susa- M.Zunino,Fraternali Ed
gpsScarica la traccia GPS

Si inaugura la stagione escursionistica MTB 2014 con la prima gita "fuori porta": vista l'abbondante neve ancora presente occorre privilegiare itinerari a quote non elevate, e quello di oggi unisce il divertissement della discesa ad una visita culturale ad uno degli edifici storici più rappresentativi della Valle di Susa: La Sacra di San Michele...

Val di Susa, la mia patria di adozione dal punto di vista ciclistico. Tante gite, però sempre in alta valle: mi ero ripromesso di iniziare la stagione della bici girovagando un po' alla scoperta di un lembo valsusino a me del tutto ignoto, quello immediatamente a ridosso della cintura torinese. La Sacra di San Michele vigila dall'alto sulla valle, ed è impossibile non restarne affascinati quando si transita in autostrada poco oltre Avigliana: l'occhio cade inevitabilmente lassù su quel possente nido d'aquile che incute fascino e timore al tempo stesso. "Un giorno o l'altro ci devo andare"... questa la riflessione - a dire il vero un po' distratta - durante le innumerevoli trasferte verso le alte vette.
Bene, la gita di oggi ha proprio come meta questo monumento storico: lo spunto arriva dallo splendido volume di M.Zunino che illustra ben 64 proposte di cicloalpinismo nelle valli di Susa: compratelo, ne vale la pena se bazzicate spesso da queste parti (Qui il sito di riferimento...)
Bene, fotocopia dell'itinerario in tasca (è il numero 4 del volume) eccomi pronto a partire dal comodo parcheggio nei pressi dell'area attrezzata del lago Piccolo di Avigliana (attenzione, molto affollato di domenica, è una meta tradizionale fuori porta dei torinesi): le indicazioni sono dettagliate e riesco stranamente a non perdermi, nonostante i numerosi bivi. Si pedala su percorso boschivo piacevole, con qualche breve tratto a spinta (pochi metri) sino a raggiungere l'asfalto della SP che collega Avigliana alla Sacra di San Michele in borgata Mortera, dove si imbocca il "Sentiero dei Principi" che sale verso la Sacra. E' una salita molto tosta, dal fondo molto rovinato e che ben presto costringe a scendere di sella per via delle pendenze proibitive. Arriva così il primo "poussage" della stagione (ca 150 metri comunque agevoli vista la larghezza della carreggiata), che consente di guadagnare un colletto molto panoramico affacciato proprio di fronte alla grandiosa mole della Sacra. Ora le fatiche sono finite, e con un piacevole tratto in leggera discesa si raggiunge l'asfalto proprio nei pressi dei parcheggi dell'edificio storico.
Una visita -anche se supericiale - è davvero irrinunciabile a questo punto (vedi il sito ufficiale): si tratta di uno dei più imponenti e suggestivi monumenti del nostro Medioevo, e vista la fatica fatta per arrivare sin qui non vorrete mica lasciarverla sfuggire!
Dopo aver ritemprato lo spirito e schiacciato un pisolino sull'ameno praticello di fronte all'edificio, è ora di divertirsi.. Il pezzo forte della giornata è infatti rappresentato dalla discesa a valle verso Sant'Ambrogio lungo la vecchia mulattiera (maggiori info qui): si tratta di un percorso molto divertente ed anche abbastanza facile, fatto da una serie interminabile di tornantini, il fondo è lastricato (vera opera d'arte ancora ben conservato) e potrebbe risultare ostico in caso di pioggia o gelo.... Comunque si plana a valle in un soffio, e qui ho modo di stupirmi per le doti fantastiche di assorbimento della mia Scalpel, la Lefty è proprio una forcella strepitosa!!!
Arrivati a Sant'Ambrogio si segue un tratto di asfalto sino alla borgata Bertassi, dove nei pressi di una cappelletta votiva si riprende a salire dapprima agevolmente e poi con sempre maggiore difficoltà  lungo un sentiero CAI ben segnalato ma decisamente in pessimo stato: è un tratto molto faticoso, e ben presto capisco di essermi "perso" poiché non mi ritrovo più con le indicazioni di Matteo. Poco male, oltre al poussage mi alleno anche al "portage": il sentiero sbuca proprio alla borgata Mortera dove mi raccordo con il percorso dell'andata ripercorrendolo a ritroso sino a ritornare nei pressi del Lago Piccolo, che nel frattempo si è popolato di famigliole e merenderos che si godono la bella e calda giornata primaverile....

NB- Le difficoltà fisiche dell'itinerario sono facilmente azzerabili: in salita evitando di seguire il sentiero dei principi e proseguendo da borgata Mortera sull'asfalto sino alla Sacra, al ritorno in borgata Bertassi continuando in piano seguendo le indicazioni per Avigliana ed i laghi.....


JavaScript deve essere attivo per utilizzare Google Maps.
Sembra infatti che JavaScript sia disabilitato o non supportato dal tuo browser.
Per visualizzare le Google Maps, attiva JavaScript modificando le opzioni del tuo browser e poi riprova.

Ultimo aggiornamento Lunedì 31 Marzo 2014 20:47
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla video tutorials hosting Valid XHTML and CSS.

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information