MTB: Monte Avigno Stampa
Scritto da fabri   
Mercoledì 15 Agosto 2012 21:08

Località di partenza e arrivo:
Pogno - mt 460
Lunghezza:
km. 25 ca
Dislivello in salita:
mt. 850 ca
Quota max:
mt. 1136 (Monte Avigno)
Durata:
2h 30min  ca
Avvertenze:
La complessa rete di sentieri,strade e piste forestali della zona consiglia di seguire fedelmente la traccia GPS allegata
Cartografia:
IGC fgl 10-Monte Rosa,Alagna e Macugnaga, 1:50.000
Guida Itinerari escursionistici della Valsesia -fgl 6/C - CAI Varallo 1:25.000
Riferimenti Bibliografici:

Scarica la traccia GPS

Pogno e le alture circostanti sono una garanzia quando si ha poco tempo a disposizione. Quella che voglio proporvi oggi è una variante alla classica discesa della PS1 che va a toccare angoli boscosi suggestivi tra le alture a cavallo tra la Valsesia ed il Cusio: un territorio tutto da riscoprire e che riserva sempre gradite sorprese....

Mattina di ferragosto, poco tempo a disposizione, Pogno è sempre un'alternativa validissima alle porte di casa: oggi però sperimentiamo una nuova variante per allungare un po' la salita. Si tratta in pratica, una volta arrivati a Valpiana, di procedere su asfalto sino a Merlera e poi Piana dei Monti: dalla piazza in direzione della chiesa che sovrasta ll'abitato seguire l'ampia sterrata per il passo del cambocciolo (it 757). Dopo una prima dura rampa asfaltata si risale placidamente in pieno ambiente boschivo. Seguire fedelmente il tracciato, ignorando una scorciatoria ripida che permette di tagliare parte della gippabile (tenere come riferimento  le indicazioni delle paline segnaletiche della  "via della fede" per madonna del sasso). Dopo alcune rampe mediamente impegnative si giunge alla cappella del Turlo mt 853, da qui il pecorso si fa più agevole e con un certo sviluppo si arriva al colle Cambocciolo mt 947, crocevia di numerosi itinerari. Subito a sx si lascia il 758 per il briasco, si prosegue  dritti per poche decine di metri sino ad un nuovo bivio, dove a sx continua il 757 per madonna del sasso. Noi prendiamo a destra una ripida rampa fortemente scavata dall'azione dell'acqua (754): superatala si risale in sella ma per brevi tratti in quanto il sentiero è stato quasi completamente distrutto dall'azione delle acque. In un alternarsi di brevi portage e tratti in sella si giunge sotto alla vetta del monte navigno (o Avigno). Qui si nota un'ampia sterrata che scende: imboccarla e seguirne fedelmente il tracciato, si arriva in breve all'alpe navigno (abbandonata) poi con fondo un poco eroso e sabbioso si cala a valle sino ad un bivio: si tiene la destra, ora il tracciato si fa più incerto e in parte invaso dalla vegetazione ma senza possibilità di errore con qualche tratto di breve risalita si sbuca sull'asfalto della boleto-valpiana proprio in prossimità della sbarra da superare per arrivare alla partenza della ps1 di pogno. Da qui sin troppo semplice planare a pogno lungo il tracciato ben noto della prova.

Ultimo aggiornamento Martedì 21 Agosto 2012 17:21
 

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Cliccando su AGREE, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information