Al momento stai visualizzando Bici Pioggia: Come Pedalare con la Pioggia?

Bici Pioggia: Come Pedalare con la Pioggia?

Un’uscita in bicicletta, durante la pioggia, comporta l’abitudine ad alcuni comportamenti per evitare spiacevoli conseguenze.

Il traffico stradale, i pedoni, le altre biciclette rendono più complicata la percorribilità delle strade e richiedono una maggiore attenzione nello spostamento, oltre alle difficili condizioni meteo.

Consigli per l’Andatura Bici Pioggia

Pedalare con la pioggia richiede un adattamento alle condizioni in cui si pedala, per avere sicurezza nell’andatura su strada.

L’approccio alle curve deve essere più lento, perché l’aderenza dei pneumatici non è simile a una giornata di sole con un terreno asciutto.

I tempi di frenata si allungano, per cui lo spazio di frenata risulta raddoppiato e si incrementa anche lo spazio di arresto.

Inoltre, a causa della scarsa visibilità, il tempo di reazione è più lungo quindi è meglio pedalare più lentamente.

Bici pioggia sono un’accoppiata da considerare anche in relazione alle superfici da percorrere, visto che possono diventare scivolose e pericolose.

I tombini, le rotaie del tram, le strisce sulla strada, le foglie, le pozzanghere sono un rischio in una giornata piovosa e sono da schivare.

Una discesa rappresenta un percorso da affrontare con una certa preparazione, soprattutto riguardo alla frenata.

Innanzitutto occorre frenare all’inizio della discesa, non è utile ed è arrischiato farlo nel momento in cui si percorre la discesa.

È meglio non utilizzare il freno anteriore; la ruota anteriore potrebbe bloccarsi di colpo e si potrebbe perdere l’equilibrio e cadere.

È consigliabile guardare l’orizzonte e non distogliere lo sguardo per vedere la strada, mantenendo una postura rilassata.

Quando sul percorso di presenta una curva, è utile inclinarsi verso la direzione della strada e non ricominciare a pedalare prima della fine della curva.

Allenarsi e Pedalare con la Pioggia

L’inverno non è la stagione più gradevole per l’allenamento, però ogni progresso nel ciclismo su strada richiede un allenamento da svolgere regolarmente.

I ciclisti in allenamento, in base alle condizioni meteo, dovrebbero accorciare i chilometri previsti favorendo la scelta di un percorso con più dislivello, per un esercizio di maggiore intensità.

In condizioni fortemente avverse, si può optare per l’home trainer ma la scelta di fare un’uscita con la pioggia è un allenamento mentale che fortifica e può divertire, una volta diventato ricordo.

I risultati si vedranno per l’ottima forma fisica, nella stagione in cui le uscite sono più semplici per le belle giornate e i progressi acquisiti.

Come Andare in Bici con la Pioggia?

uomo in bici

Pedalare con la pioggia può sembrare una normale uscita resa difficoltosa dal meteo ostile, invece è un’uscita da considerare sotto vari aspetti.

La lunghezza del percorso, la temperatura e l’intensità della pioggia vanno a influire sulla performance fisica del ciclista che può trovarsi in forte difficoltà.

L’abbigliamento quindi deve essere adeguato perché non ci sia un dispendio calorico elevato per mantenere la temperatura corporea.

Le gambe, le mani e i piedi sono esposti al freddo e all’umidità e la pedalata potrebbe essere meno energica, per la minor presa e per l’irrigidimento dei muscoli.

Bici Pioggia: Come Comportarsi

L’andatura in bici deve essere controllata per avere la flessibilità e la sicurezza necessarie per far fronte al percorso nel modo più idoneo.

Valutare e anticipare la frenata è il segreto per non incappare in sorprese e in frenate improvvise che andrebbero a bloccare le ruote e a garantire una caduta.

Le curve sono una sfida che richiede una giusta postura ed equilibrio, in quanto la distribuzione del peso sulla bicicletta fornisce maggiore aderenza ai pneumatici.

La frenata in curva deve essere leggera, mentre su una strada priva di curve è necessario sapere che lo spazio di frenata risulta raddoppiato e si incrementa anche lo spazio di arresto.

Per quanto riguarda i pneumatici che sono a contatto diretto con il terreno, è utile verificarli prima di affrontare una giornata piovosa su strada.

I pneumatici larghi hanno una migliore aderenza al suolo e se la ruote della bici non hanno questa caratteristica, si può ridurre la pressione per aumentare il contatto con la superficie.

L’applicazione dell’aceto sulle ruote con un panno, sgrassa e consente di avere un miglioramento in termini di aderenza sulla strada.

Come Proteggere la Bici dalla Pioggia?

Il connubio bici pioggia deve essere considerato, quando si decide di parcheggiare la bicicletta all’aperto e non ci sono altre soluzioni per tenerla in un luogo asciutto.

Una bicicletta che viene lasciata in balia delle condizioni meteo, si danneggia molto più velocemente e l’usura farà il suo corso in minor tempo.

È necessario proteggerla il più possibile dall’acqua che può arrugginire i suoi componenti e la soluzione utile è l’acquisto di un telo copribici.

Si tratta di un telo realizzato in tessuto robusto che non si può strappare facilmente e fornisce una protezione dalla pioggia e dal vento.

Ha, in genere, un design antifurto che permette di utilizzare un lucchetto per evitare che la bici venga rubata.

Ci sono anche teli che vanno a coprire solo in parte la bicicletta, ad esempio proteggono dalla pioggia la parte della trasmissione.

È consigliabile acquistare un telo copribici che fornisca una copertura totale della bicicletta e includa le ruote.

La scelta della misura del telo non è banale, perché occorre avere le corrette misure e in seguito acquistare oppure decidere di prendere la taglia più grande, per non ritrovarsi con una copertura a metà della bicicletta.

La protezione della sella dalla pioggia è indispensabile, quando viene parcheggiata per poco tempo, in quanto si può danneggiare a causa dell’acqua.

Ci sono in vendita coprisella impermeabili da applicare sia durante le uscite sotto l’acquazzone sia quando la bici è in parcheggio.

Non bisogna dimenticare il lucchetto che ha la funzione di antifurto, perché l’acqua potrebbe arrugginirlo e renderlo inutilizzabile.

Alcuni lucchetti hanno una copertura impermeabile che dà una protezione dalla pioggia, dalla polvere e dai detriti per mantenere ben funzionante la serratura.

Come Andare in Bici senza Bagnarsi?

ciclisti sotto pioggia

L’abbigliamento del ciclista in caso di pioggia deve combattere l’umidità e il freddo, per non avere un dispendio calorico elevato al fine di mantenere la temperatura corporea.

È difficoltoso reperire vestiario sportivo che sia resistente all’acqua e allo stesso tempo traspirante e visto che l’attività sportiva comporta sudore, è da privilegiare la traspirabilità.

Abbigliamento Indispensabile per la Pioggia

Un must have è la giacca antipioggia che offre protezione dalla pioggia e dal vento, senza possibilità di infiltrazioni ed è multifunzionale, anche con cappuccio.

Ci sono differenti modelli a seconda della tipologia di utilizzo sportivo, non sono troppo pesanti e si trovano anche in colori fluorescenti con l’applicazione di riflettori, per una maggiore visibilità del ciclista.

Tra le caratteristiche da valutare nell’acquisto c’è il taglio della giacca antipioggia che deve essere più lunga dietro, per proteggere dall’acqua la zona dei glutei e deve essere aderente davanti.

Il materiale ha una membrana a tre strati che garantisce traspirabilità e impermeabilità con la possibilità di scegliere un tessuto stretch, per avere aderenza e libertà di movimento.

I copriscarpe sono ideali per proteggere dalla pioggia; devono essere leggeri e sono da distinguere dai modelli utilizzati per pedalare in mountain bike.

È importante fare attenzione alla scelta della taglia prima dell’acquisto, scegliendo una taglia superiore a quella delle scarpe.

Parliamo delle gambe per cui ci sono due opzioni nell’abbigliamento sportivo in materiale tecnico, impermeabile e traspirante, per ripararle dalla pioggia e dal freddo umido.

I pantaloni antipioggia e i sovrapantaloni sono da scegliere in base alla situazione, se si tratta di un allenamento in bici o di un’uscita oppure se ci si deve recare al lavoro.

In quest’ultimo caso si può optare per i sovrapantaloni da togliere in ufficio e possono essere facilmente ripiegati.

Suggerimento: allo scopo di evitare che l’acqua entri nelle scarpe, è consigliabile indossare prima i copriscarpe e dopo i pantaloni o i sovrapantaloni antipioggia.

I guanti antipioggia sono la soluzione adatta per riparare le mani dalla pioggia, con un elevato grado di traspirabilità e una buon vestibilità per non avere difficoltà nella guida.

In commercio si trovano i copricasco da bici impermeabili e antivento che si applicano con semplicità sul casco e offrono una protezione totale dall’acqua.

È possibile optare anche per i modelli in colore fluo o con strisce catarifrangenti, per avere la visibilità necessaria su strada durante le uscite con guida notturna.

Gli occhiali da ciclismo sono indispensabili, soprattutto in condizioni di pioggia, in quanto proteggono dall’acqua e migliorano le condizioni di guida.

Le lenti polarizzate hanno delle caratteristiche che rendono gli occhiali più idonei per le uscite con la pioggia, come una miglior visione di eventuali ostacoli sulla strada.

Che Succede se si Bagna la Bici Elettrica?

La pioggia per i ciclisti con una bici elettrica può essere motivo di preoccupazione, tuttavia se la batteria è impermeabile le probabilità che venga danneggiata sono minime.

La batteria dell’e-bike in genere ha una protezione dall’acqua e dall’umidità che è fornita dalla custodia impermeabile.

È possibile acquistare un copri batteria bici elettrica per lasciarla al riparo dalla pioggia, ma anche dallo sporco.

Se l’e-bike è parcheggiata all’esterno, è meglio rimuovere la batteria se le condizioni meteo previste sono di forte pioggia.

È per maggiore tranquillità in relazione a potenziali danni causati dall’acqua, da fare anche di notte quando la temperatura del suolo è maggiore di quella dell’aria.

È utile, dopo un’uscita con la pioggia, dedicare del tempo alla pulizia della bici elettrica con una verifica dei pneumatici, della catena e delle luci.

Prendere un panno asciutto per asciugare il telaio, per mantenere in buone condizioni la bici più a lungo e con ottime prestazioni.

I teli copribici elettrica sono da utilizzare quando viene parcheggiata all’esterno, per avere una maggiore protezione dai temporali.

Il materiale impiegato per la realizzazione del telo copribici è un tessuto impermeabile resistente e ha specifiche caratteristiche.

Consente di evitare la formazione di condensa ed è pratico, però deve essere scelto con le giuste misure per poter coprire tutta la bicicletta.

Come Vestirsi in MTB Quando Piove?

Gli appassionati della mountain bike devono indossare un abbigliamento che protegga dalla pioggia e dal fango.

La libertà di movimento è necessaria per poter affrontare al meglio un’uscita, quindi occorrono abiti abbastanza ampi.

In caso di pioggia ci sono dei modelli specifici da poter acquistare che hanno la particolare caratteristica di avere un taglio aderente al corpo.

Il materiale utilizzato per la realizzazione dell’abbigliamento sportivo è molto traspirante per mantenere il corpo asciutto, nonostante lo sforzo compiuto durante l’allenamento in MTB.

La parte superiore del corpo richiede una protezione dal freddo e dalla pioggia che può essere fornita da una maglia impermeabile e traspirante.

Esistono in commercio modelli a maniche corte e a maniche lunghe e sopra la maglia è indispensabile una giacca impermeabile.

Le giacche impermeabili per MTB sono leggere e aderenti al corpo, sono dotate di cappuccio e hanno la parte posteriore più lunga a protezione degli spruzzi di acqua e fango.

Hanno, di solito, inserti riflettenti per avere maggiore visibilità nelle ore notturne e durante le giornate di pioggia.

La parte inferiore del corpo viene protetta dall’acqua, indossando pantaloni impermeabili con proprietà idrorepellenti più concentrate nella zona dei glutei per il fango proiettato dalla ruota posteriore.

Le tute antipioggia in materiale impermeabile sono l’ideale per le uscite in percorsi fangosi, visto che sono composte da un solo pezzo che ripara l’abbigliamento sottostante.

Le mani sono coperte dai guanti che sono realizzati in gomma; non hanno caratteristiche di impermeabilità ma consentono di avere il controllo sul manubrio scivoloso per il fango.

I copriscarpe sono in neoprene e devono essere scelti in base alle scarpe per la MTB, comunque in generale le calzature di questa tipologia sono già di per sé sufficienti a riparare dalla pioggia.

I caschi da mountain bike con visiera forniscono protezione dai raggi del sole ma anche dalla pioggia battente e offrono una buona ventilazione grazie alla presenza di prese d’aria.

Come Portare l’Ombrello in Bici?

uomo con ombrello

C’è un accessorio, il porta-ombrelli, per pedalare con la pioggia e avere allo stesso tempo un supporto per l’ombrello che consente di restare all’asciutto.

È stato studiato per poterlo fissare al manubrio della bicicletta ed è composto da un’asta di metallo che è piuttosto resistente.

La sua robustezza permette di andare fino a 30 km all’ora e avere l’ombrello ben saldo nella sua posizione sul porta-ombrelli.

L’ombrello può essere inclinato e si può anche modificare l’altezza, quindi può proteggere e allo stesso tempo non è d’ingombro per la visuale del ciclista sulla strada.