You are currently viewing I Migliori 7 Ciclocomputer

I Migliori 7 Ciclocomputer

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Accessori

Se possedete una certa esperienza nel ciclismo, o siete degli appassionati di questo mondo, sicuramente avrete già sentito parlare del ciclocomputer, mentre per chi si è affacciato da poco su questo sport non è così scontato che si conosca tale dispositivo.

Che voi siate neofiti o esperti, il ciclocomputer tuttavia è un oggetto estremamente importante per tenere d’occhio sia il proprio corpo durante la pedalata, sia il percorso che si sta effettuando.

Essi vengono utilizzati dai professionisti, ma anche dai cicloturisti e da chi usa abitualmente la bici, grazie alle numerose funzioni che offrono, dal tracciamento del percorso al grafico per la frequenza cardiaca.

Con il passare degli anni e con i notevoli progressi dell’elettronica, i ciclocomputer sono diventati degli strumenti con numerose funzioni, tanto che alcuni modelli ne offrono quasi un centinaio, così da somigliare a dei veri e propri mini computer, tuttavia con l’avvento degli Smartphone gli acquirenti si sono domandati se fosse necessario comprarli, dato che le varie app del telefono offrono servizi simili a quelli di tale strumento.

Con questo articolo ci impegniamo quindi a esporre le caratteristiche principali del ciclocomputer, comparandolo alle funzionalità che offre lo Smartphone, per poi dare al lettore alcune proposte d’acquisto, attraverso il sito Amazon e descrivendo nello specifico ogni modello da noi suggerito.

Il Ciclocomputer: Caratteristiche Principali

Abbiamo parlato sopra di decine, addirittura di un centinaio di funzioni, tuttavia è utile riassumerle e concentrarci su quelle principali, dai servizi essenziali ad alcune features interessanti da tenere a mente per scegliere il modello più adatto a noi.

Cominciamo da quella principale: la mappa GPS. Utile per chi usa la bici per viaggiare, o semplicemente per chi desidera trovare il percorso giusto, il ciclocomputer offre una navigazione cartografica simile a un navigatore per auto, mostrando la posizione attuale del veicolo, la mappa del luogo e il percorso da seguire.

Spesso le aziende produttrici del ciclocomputer installano anche il loro software nello strumento, pertanto è raccomandabile assicurarsi che le mappe all’interno del ciclocomputer coprano la zona interessata, al fine di non perdersi in zone che non sono state mappate dall’azienda.

Un’altra funzionalità importante è il calcolo dei chilometri percorsi e della velocità, sia istantanea che media durante il percorso: è utile per analizzare che tipo di percorso è stato svolto e con quale intensità, così da regolare le prossime escursioni man mano che si migliora. E’ una funzionalità che tutti i ciclocomputer hanno, uguale a quella di un semplice contachilometri, ma ovviamente più precisa.

Due funzioni molto importanti per il ciclista sono la rilevazione della frequenza cardiaca e della frequenza di pedalata.

Alcuni ciclocomputer possono essere collegati wireless (senza cavi quindi) a delle fasce, di solito legate al petto o al polso, che misurano la frequenza cardiaca durante la pedalata; essendo il battito cardiaco un avviso naturale del corpo dello sforzo nelle attività fisiche, è importante tenerlo sotto controllo, mirando a non velocizzarlo troppo e facendo in modo che aumenti in modo graduale (consigliamo di andare da un medico per informarsi sul limite della frequenza del proprio battito cardiaco, il quale varia notevolmente da persona a persona).

La rilevazione della frequenza della pedalata invece studia la cadenza con cui si pedala, utile all’inizio perché i ciclisti amatoriali tendono a pedalare con rapporti di cambio troppo lunghi e quindi pedalano molto lentamente.

Ovviamente, basandosi su altri strumenti che devono essere fissati o sul corpo o sulla bici, bisogna comprare questi elementi a parte, a meno che non ci sia un pacchetto completo offerto da qualche azienda che includa ciclocomputer, fascia per il battito cardiaco e rilevatore di frequenza.

Per capire se il ciclocomputer che si intende acquistare disponga di queste funzionalità, basta leggere che supporti i sensori ANT+ e BLE.

Altre due rilevazioni interessanti sono della potenza e della pendenza, la prima analizza la spinta del piede esercitata durante la pedalata (più utile allo sportivo per annotare i miglioramenti), mentre la seconda offre la funzione di un inclinometro per capire la pendenza del terreno.

Non sono due funzioni essenziali come quelle precedenti, ma sono utili a chi desidera fare attività fisica in modo intenso e controllato.

Un elemento a cui fare attenzione è lo schermo LCD, il quale in alcuni modelli, specie quelli che offrono immagini a colori, risulta poco visibile in una giornata di sole. Una soluzione può essere uno schermo con un’ottima illuminazione, oppure che offre immagini sulla scala dei grigi, così da non rischiare di avere uno schermo illeggibile.

Ciclocomputer Vs Smartphone

Veniamo ora alla domanda più importante per chi desidera acquistare questo strumento: è possibile avere tutte le funzionalità presenti nel ciclocomputer all’interno del telefono, magari scaricando apposite applicazioni, e quindi rendendo l’acquisto del ciclocomputer superfluo?

La nostra risposta è: si, ma meglio non usare il telefono. Sappiamo tutti quanto gli Smartphone siano migliorati in prestazioni, durata della batteria, schermi molto luminosi e nelle infinite funzioni scaricabili sul dispositivo; molte funzioni, anzi quasi tutte quelle offerte dai ciclocomputer sono disponibili anche in alcune app create appositamente per attività sportive, anche specifiche per il ciclismo.

Bisogna dire però che lo Smartphone non nasce con questa funzione, e utilizzarlo come ciclocomputer comporterebbe un grande uso della sua batteria, la quale durerebbe davvero poco, rischiando così di vedere il telefono scarico dopo un paio di ore.

Inoltre, il calore del sole si imbatterebbe direttamente sullo schermo dello Smartphone, surriscaldandolo immediatamente e portandolo a temperature insopportabili per l’apparecchio.

Il ciclocomputer invece è stato progettato appositamente per registrare il percorso, rilevare il battito cardiaco e così via, e permette di lasciare libero il telefono che può essere utilizzarlo magari per le chiamate di emergenza o altro (ricordando sempre di non guardarlo mentre si pedala; le regole per le auto sono valide anche per le bici).

Il ciclocomputer è quindi lo strumento ideale per il ciclista, e offre tutte le funzioni base per diverse ore, evitando di scaricare il telefono o di surriscaldarlo per l’esposizione ai raggi solari.

Per quanto riguarda il prezzo, esistono vari modelli di ciclocomputer di qualità a ottimo prezzo, quindi non aspettatevi di dover comprare uno strumento al costo dei moderni Smartphone al top della gamma.

Consigli Per L’Acquisto

Il compratore, prima di procedere all’acquisto dello strumento, dovrà tenere a mente diverse cose: per l’uso che intende fare della bici, quali sono le funzioni che ricerca in un ciclocomputer? Il modello che ha trovato offre funzionalità superflue, e quindi si possono scegliere versioni meno complete, ma pur sempre di qualità? Servono le mappe?

Quanto è grande il display? Offre una visione chiara anche con molto sole e con poca luce? Cosa viene detto nelle recensioni? E’ disponibile il manuale delle istruzioni in lingua italiana, o almeno è possibile scaricarlo dal sito? L’acquisto include già le fasce per la frequenza cardiaca e per la frequenza di pedalata o devono essere comprate a parte?

Inoltre, non tutti i ciclocomputer possiedono la connessione wireless, il che li limita molto nel loro utilizzo, poiché non possono inviare dati al proprio telefono e tenere traccia dei miglioramenti personali nella corsa.

La connessione wireless offre anche la possibilità di aggiornare le mappe, la versione del proprio dispositivo, similmente a come si aggiornano gli Smartphone, migliorando il sistema e rendendolo più efficiente, mentre per quelli non wireless ciò che si vede è ciò che si avrà.

Ovviamente non è una cosa obbligatoria, in quanto il ciclista può aver semplicemente bisogno di un dispositivo che legga il chilometraggio e la velocità, senza connessioni alla fascia per rilevare la frequenza cardiaca. Infine, la presenza o meno di una memoria, fissa o espandibile, è un altro punto importante da tenere in considerazione mentre si sceglie il ciclocomputer.

La lista che segue vi offrirà una selezione dei migliori dispositivi, provenienti dal sito Amazon, che terranno conto del rapporto qualità/prezzo e che daranno diverse opzioni, dalle più economiche ai migliori modelli attualmente disponibili, a seconda delle funzionalità richieste dall’acquirente.

Ricordiamo che la lista non è ordinata dal prodotto migliore al peggiore, ma segue circa un ordine del prezzo del modello, dal più economico al più costoso.

Dobbiamo ammettere che è stato molto difficile scegliere i 7 migliori prodotti, in quanto il sito offre diverse opzioni, di varie marche e a vari prezzi, tuttavia siamo molto soddisfatti della nostra scelta, che vi mostriamo con grande orgoglio.

Ciclocomputer: Le Nostre Scelte

1. Bryton Rider 15

Bryton Rider 15
La Bryton offre un ciclocomputer molto semplice, di facile utilizzo e di grande qualità: questo modello supporta le reti satellitari GPS, Glonass, BDS, Galileo e QZSS, permettendo un flusso di dati costante, anche in posti con poco campo.

Rispetto alle versioni precedenti, il Rider 15 offre la funzione di orientamento, sia che punta fissa verso il Nord, sia che si sposta in base al movimento del ciclista; il display da 2 pollici offre ottima visibilità, e il dispositivo offre la connessione ANT+ e BLE per i sensori del battito cardiaco e i sensori di velocità.

Infine, può essere collegato allo Smartphone, per ricevere messaggi e chiamate. E’ un modello economico e molto adatto ai principianti, grazie alla facilità nell’utilizzarlo e alle funzionalità chiare e basilari.

2. Sigma BC 906

Sigma BC 906

Tra i modelli più economici sul mercato, troviamo questo piccolo gioiellino della Sigma, un prodotto molto essenziale con poche funzionalità, quali il calcolo della velocità, delle calorie perse e dei chilometri percorsi, il tutto in un design minimal e in un apparecchio facile da montare e con una durata della batteria molto estesa (di 100 ore circa).

E’ un ciclocomputer molto basico, utile per chi non ha troppe pretese, poiché non offre la mappa GPS e altre funzionalità importanti, ma per questo prezzo non ci si può aspettare di più, anzi è già fin troppo. Molto consigliato quindi come entry level.

3. IGPS Sport IGS10

IGPS Sport IGS10

Questo modello di fascia media è molto semplice e permette di vedere fino a 12 dati contemporaneamente, dalla velocità al tempo di guida, dall’altitudine all’inclinazione della strada, fino alla frequenza cardiaca, la temperature e le calorie bruciate.

Dai comandi intuitivi e molto reattivo nella ricezione del segnale GPS, soddisfa molti clienti che lo consigliano vivamente.

L’unica cosa, giusto per non allarmare l’acquirente, è la necessità di scaricare l’app sullo Smartphone iGPSPORT per poterlo connettere al telefono, e solo attraverso l’applicazione si possono vedere le mappe della strada.

4. Bryton 420T

Bryton 420T
A chi desidera comprare il pacchetto completo con i gadget necessari, la Bryton offre questo bundle comprendente il ciclocomputer, la fascia per rilevare la frequenza cardiaca e il rilevatore della frequenza di pedalata, il tutto a un ottimo prezzo.

Il ciclocomputer offre una mappa GPS molto basilare, ma utile per non perdersi, offre un’ottima visione in ogni situazione, grazie al display da 2.3 pollici in scala del grigio, e la batteria risulta davvero duratura e affidabile. Un ottimo affare, secondo numerosi clienti che hanno scelto questo modello e che non sentono la mancanza di una mappa cartografica; consigliato vivamente!

5. Garmin 520 Edge Plus

Garmin 520 Edge Plus

Salendo di prezzo troviamo un modello completo in ogni aspetto: con un display a 2.3 pollici è facile seguire la mappa, il ciclocomputer riceve segnali GPS, Glonass e Galileo, la batteria ha una durata di circa 15 ore e dispone di numerose funzionalità (oltre a quelle base descritte in precedenza), come la bussola, la connessione ad altri ciclocomputer dello stesso tipo (utile per chi pedala in gruppo e non vuole perdersi), i dati della performance e una scheda di allenamento personalizzata.

Il Garmin è associabile a quasi tutti i dispositivi ANT + e si collega rapidamente al proprio Smartphone per ricevere chiamate e messaggi. Tutti i compratori ne sono soddisfatti, grazie anche per il prezzo competitivo.

6. Garmin Edge 130

Garmin Edge 130
A un prezzo più ridotto del modello precedente, troviamo forse il modello più economico che permette la connessione GPS e che mostra la mappa direttamente sullo strumento; una mappa molto semplice, ma adatta a capire se ci si trova sulla strada giusta.

Lo schermo in bianco e nero offre un’ottima visione sia con molta luce che con poca illuminazione esterna, il segnale GPS è molto stabile, e la durata della batteria è di circa 13 ore. E’ un oggetto con più delle funzionalità base, pratico, leggero e intuitivo.

Per questo modello esiste anche il pacchetto completo, il bundle che comprende anche la fascia per la frequenza cardiaca, per il quale lasciamo il link sotto a quello del prodotto singolo.

7. Garmin Edge Explore

Garmin Edge Explore Ciclocomputer

Concludiamo questa lista con uno tra i migliori ciclocomputer attualmente disponibili sul mercato, il quale tuttavia non è estremamente costoso: lo schermo da 3 pollici è ad alta risoluzione, impermeabile, e permette un’ottima visualizzazione sia con molto sole, che con scarsa illuminazione; la mappatura presente è il punto forte di questo Garmin, la quale offre i percorsi di tutta Europa già preinstallati nel modello e mostra i tracciati preferiti dai ciclisti.

La batteria ha una durata massima di 12 ore, e tra le funzionalità principali troviamo la velocità, la distanza, l’altezza e molte altre. Esso è frutto di anni di ricerca, di dati di migliaia di chilometri raccolti dai percorsi effettuati dai ciclisti, tutto ciò per dare il miglior percorso possibile allo sportivo.

Rapido da capire, facile da installare, ha lasciato numerosissimi clienti soddisfatti, i quali hanno trovato in questo Garmin Explore tutto ciò di cui avevano bisogno, sia che fossero principianti che grandi esperti.

Conclusioni

A differenza di altri prodotti che abbiamo recensito, dei quali abbiamo creato una lista, per esempio per i migliori caschi, in cui il compratore doveva prestare attenzione a un costo minimo da tenere a mente per non rischiare di comprare prodotti di scarsa qualità, è difficile fare lo stesso con i ciclocomputer: abbiamo visto infatti che il loro prezzo può variare molto, partendo da meno di 20 euro fino a qualche centinaio; questo perché tali dispositivi sono molto diversi fra di loro, a seconda del numero di funzioni che possiedono, alla qualità delle immagini, al numero di mappe che offrono al loro interno e via dicendo.

Il ciclocomputer infatti può avere le stesse caratteristiche e le funzionalità di un semplice contachilometri, ma può anche essere stato programmato per essere più simile a un vero e proprio Smartphone, pertanto l’acquirente dovrà prestare molta attenzione alle funzioni che offre il dispositivo e a quelle che egli necessita, o che magari gli/le serviranno in futuro.

La regola principale tuttavia rimane valida: non fidatevi delle marche sconosciute, cercate sempre di informarvi sulla casa produttrice del vostro prossimo acquisto, osservando la qualità della pagina e del servizio di assistenza che offrono; trattandosi di apparecchi elettrici, quindi fragili, poter contare su un’assistenza telefonica rapida ed efficiente è più che consigliato.

I modelli che abbiamo presentato provengono da poche aziende, ma tutte sicure e con diversi anni di esperienza nel settore, quindi potete stare tranquilli.

Per quanto riguarda le infinite funzionalità offerte dal ciclocomputer, dobbiamo ricordarci che è uno strumento nato per due funzioni principali: controllare l’attività sportiva (rivelando la frequenza cardiaca, lo sforzo sui pedali, offrendo informazioni sul percorso ecc.), ma rendendola anche più piacevole (consigliando i percorsi migliori e rimanendo connessi al mondo grazie alla connessione con il proprio Smartphone).

E’ uno strumento davvero utile a ogni ciclista, difficilmente sostituibile con il telefono; con questo articolo ci auguriamo di avervi dato le informazioni necessarie per scegliere il ciclocomputer più adatto a voi.

E come sempre, buona pedalata!