You are currently viewing Eurovelo: Tutto Ciò che C’è da Sapere

Eurovelo: Tutto Ciò che C’è da Sapere

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Blog

EuroVelo è un insieme di piste ciclabili collegate tra di loro a livello europeo e sono l’ideale per chi desidera viaggiare in Europa su due ruote da Ovest a Est, da Nord a Sud e viceversa.

I percorsi sono adatti a tutti, dal ciclista occasionale o amatoriale alla famiglia visto che si possono avere servizi nelle vicinanze delle ciclabili come sistemazioni, ristoro, trasporti pubblici e la possibilità di visitare luoghi di interesse storico, culturale e naturale.

Gli itinerari sono da percorrere sia per i lunghi viaggi sia per i semplici spostamenti giornalieri nelle zone in cui sono presenti.

Eurovelo è una rete che si snoda in più di 40 paesi ed è composta da piste ciclabili numerate per una lunghezza complessiva di più di 90.000 km, in una costante evoluzione con l’aggiunta di nuovi tragitti.

La maggior parte dei tracciati è costituita da piste ciclabili, greenway e in alcuni casi da strade in cui c’è il transito di automobili.

I requisiti di un nuovo percorso da aggiungere alla rete di Eurovelo sono precisi e ad esempio riguardano la lunghezza che deve essere di almeno 1.000 km con l’attraversamento di almeno due paesi.

Il nuovo tratto deve percorrere piste ciclabili nazionali o regionali e deve avere un’identità riconoscibile a livello internazionale con una segnaletica standard in conformità con i paesi facenti parte della rete.

Ogni itinerario di Eurovelo è approvato da ECF o European Cyclists Federation che ne garantisce la qualità ed è una federazione che raggruppa in tutta Europa le organizzazioni ciclistiche nazionali promotrici della bicicletta per la mobilità urbana.

Quali sono gli itinerari Eurovelo oltre i 6.000 km?

eurovelo11

Gli itinerari che si trovano nei paesi in cui è già sviluppata la mobilità su due ruote sono ottimamente segnalati ed è di solito evitata la condivisione della strada con le automobili.

I percorsi al sud dell’Europa nella zona orientale sono per i cicloturisti una sorta di viaggio avventuroso alla scoperta di nuovi emozionanti territori.

Itinerario Eurovelo 1: la Costa dell’Atlantico

La sua lunghezza complessiva di 11.550 km è il motivo per cui è sul podio delle piste ciclabili europee ed è un tragitto che si affianca a tutta la costa atlantica, da nord a sud, dalla Scandinavia ad Algarve in Portogallo.

È un invito alla scoperta dell’oceano, dai fiordi alle spiagge passando dalle coste inglesi e attraversando Norvegia, Gran Bretagna, Scozia, Irlanda, Francia, Spagna e Portogallo.

È consigliabile partire dalla Norvegia in primavera o in estate per apprezzare in pienezza il paesaggio che è una combinazione di foreste, valli soleggiate e cascate e lo stesso si può dire per la Gran Bretagna e l’Irlanda che hanno un clima piovoso in altre stagioni.

La Francia offre un tragitto ben segnalato tra splendide spiagge, porti e boschi lussureggianti da percorrere soprattutto in primavera per non incontrare l’affollamento del periodo estivo.

In Spagna, lungo la ciclabile, si possono visitare luoghi storici e assaggiare le prelibatezze del luogo oltre a percorrere la pista ciclabile del Camino de Santiago.

L’itinerario 1 si conclude in Portogallo a Sagres in cui il clima è adatto al cicloturismo quasi tutto l’anno e c’è la possibilità di visitare località suggestive come Porto.

Itinerario Eurovelo 7: la Strada del Sole da Capo Nord a Malta

Questo percorso ha una lunghezza di 7.300 km, dal sole di mezzanotte al sole del Mediterraneo, in un accordo di contrasti che affascina.

La partenza è dall’Isola di Magerøya, in un viaggio da fare in estate per la temperatura mite continuando verso la Finlandia.

La parte finlandese ha un circuito breve di 101 km circa dalla natura maestosa della Lapponia fino ad arrivare alla Svezia e al punto di arrivo di questa tappa, la città ricca di cultura Göteborg e per procedere verso la Danimarca, con un traghetto.

Helsingor è la tappa iniziale danese in un percorso ben segnalato fino alla bellissima capitale Copenaghen e poi si segue il percorso fino al traghetto al porto di Gedser.

In Germania ci sono due tappe, una in Pomerania nel “paese dei mille laghi” e l’altra nella regione di Brandeburgo con le sue foreste di pini e i castelli imponenti.

In Repubblica Ceca si visita la misteriosa Praga, si continua in Austria e dopo una tappa a Salisburgo si arriva in Italia con una ciclabile di 2.400 km.

La tappa finale in Italia è la città siciliana di Pozzallo da cui si può raggiungere l’isola di Malta e di Gozo con due circuiti tra paesaggi rurali e testimonianze storiche.

Itinerario Eurovelo 10: la Strada del Baltico

Un percorso della lunghezza di quasi 9.000 km che attraversa i suggestivi paesaggi baltici e scandinavi.

La parte polacca offre 530 km di pista ciclabile tra sterrato e asfaltato e il punto di partenza è la città storica di Danzica e si continua verso la Germania passando dall’isola di Wolin, in un tempo remoto terra di vichinghi.

La parte tedesca è una scoperta continua di eleganti città portuali e di scorci panoramici con spiagge stupende e l’ingresso in Danimarca è la porta che conduce ai paesi scandinavi.

La pista ciclabile danese ha una lunghezza di 360 km ed è ben segnalata con la possibilità di passare da isola a isola, attraversando i ponti o con i traghetti che ospitano anche le biciclette.

A Malmö in Svezia l’itinerario va da sud verso nord pedalando per 2.000 km lungo il Mar Baltico, tra paesaggi selvaggi, campi agricoli, spiagge lunghissime, foreste e laghi.

Poi da Helsinki in Finlandia si raggiunge la Russia per una breve tappa a San Pietroburgo, per continuare verso l’Estonia in cui si ritrova un territorio ancora poco conosciuto dal turismo di massa tra percorsi nella foresta o nelle campagne.

Dopo aver visitato Talinn, meravigliosa città medievale si procede verso la Lettonia con Riga e il suo rinomato centro storico, patrimonio Unesco per andare in seguito in Lituania per arrivare a Kaliningrado, luogo di scontri durante la Seconda Guerra Mondiale.

Itinerario Eurovelo 11: la Strada dell’Europa dell’Est

Un percorso di piste ciclabili per un totale di 6.500 km che va da nord a sud, dalla Norvegia alla Grecia, attraversando 11 paesi in un caleidoscopio di contrasti di paesaggio.

È importante pianificare bene il periodo in cui intraprendere il viaggio in bicicletta, viste le differenze climatiche tra i due estremi dell’itinerario.

La partenza è da Capo Nord in Norvegia passando dal territorio ricco di bellezze naturali della Finlandia fino a Helsinki per arrivare all’Estonia con ben 500 km di ciclovie.

La strada che collega Valga a Valka permette di fare ingresso in Lettonia fino alla Lituania con la bellissima Vilnius, città patrimonio Unesco per continuare in Polonia fino alla storica Varsavia.

Poi un breve tragitto in Slovacchia per andare in Ungheria, con i suoi villaggi tradizionali immersi nella natura fino alla Serbia, verso il sud seguendo la strada di Costantinopoli.

La Macedonia del Nord con la capitale Skopje, dalla storia affascinante è la penultima tappa verso la Grecia con l’ineguagliabile Atene quale punto di arrivo dell’itinerario.

Itinerario Eurovelo 12: il Circuito del Mare del Nord

eurovelo12

È un circuito ad anello della lunghezza di più di 7.000 km lungo la costa del Mare del Nord a collegare la Scandinavia con la Gran Bretagna tra lunghe spiagge e maestose scogliere.

Il punto di partenza è in Norvegia a Bergen e pedalando tra foreste, caratteristiche cittadine e villaggi di pescatori si procede verso la Svezia dove si percorre il tracciato Kattegattleden nel cuore del territorio svedese.

Dalla Germania, visitando la città di Amburgo e il suo famoso quartiere storico Speicherstadt si arriva ai Paesi Bassi e ad Amsterdam, città da sogno dei ciclisti per pedalare poi in Belgio nel parco naturale di Zwin.

Si procede in Francia verso il nord per raggiungere via mare la città di Harwich, poi in Scozia fino alle Isole Shetland punto di arrivo del circuito.

Itinerario Eurovelo 13: la Strada della Cortina di Ferro

È un percorso nella storia della divisione fra l’Europa dell’Est e dell’Ovest, dal Mare di Barents al Mar Nero della lunghezza di quasi 7.000 km.

Attraversa venti Stati dai vigneti della parte meridionale della Repubblica Ceca, alla parte settentrionale dell’Austria fino alle zone montuose della Bulgaria ai porti suggestivi del Baltico fino alle bellezze naturali della Lapponia.

Quali sono gli itinerari Eurovelo fino a 6.000 km?

eurovelo3

Itinerario Eurovelo 2: il Percorso delle Capitali

L’itinerario delle capitali ha una lunghezza di 5.500 km e attraversa le città che hanno segnato la storia del vecchio continente come Mosca, Berlino, Dublino, Londra, Varsavia e Minsk.

Il punto di partenza è la Russia: la pista ciclabile ha inizio proprio da Mosca dove si può ammirare nella Piazza Rossa il centro della capitale, il Cremlino dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

La stagione migliore è l’estate, nei mesi da giugno ad agosto, per un clima mite e non troppo freddo per pedalare verso la Bielorussia, a Minsk.

La capitale è contraddistinta da chiese ortodosse ed edifici vecchi e nuovi, si prosegue attraversando un parco naturale per immergersi nella natura selvaggia ricca di fauna e flora fino ad arrivare in Polonia.

Varsavia ha una pianta architettonica usuale per una capitale europea con i monumenti antecedenti la Prima Guerra Mondiale e la modernità dell’attuale vita culturale.

La capitale cosmopolita di Berlino accoglie il cicloturista per le visite culturali e per l’assaggio delle specialità locali prima di raggiungere L’Aia, nei Paesi Bassi.

Qui le piste ciclabili sono appositamente progettate per la visita della città ed è la tappa prima di munirsi di impermeabile per prendere il traghetto e arrivare nel Regno Unito nel porto di Harwich verso Londra.

Dopo le bellezze storiche della capitale londinese si attraversa tutto il territorio per raggiungere il Galles con i suoi paesaggi dalle stupefacenti cittadine dall’architettura medievale.

Il percorso arriva in Irlanda a Dublino per gustare una birra in uno dei pub e in seguito apprezzare la ricchezza storica della capitale e concludere l’itinerario 2 a Galway, circondato da verdeggianti pianure.

Itinerario Eurovelo 3: la Via dei Pellegrini

Questo percorso collega la Norvegia con la Spagna in una ciclabile della lunghezza di 5.300 km che attraversa ben sette paesi europei da nord a sud-ovest.

È allo stesso tempo cicloturismo e un viaggio spirituale per approfondire le storie degli edifici religiosi che si incontrano in questo pellegrinaggio attraverso le città storiche d’Europa.

In Norvegia, si parte da Trondheim in cui si trova una nota cattedrale gotica e la via del pellegrino continua verso Oslo scoprendo i caratteristici villaggi scandinavi e dirigendosi in seguito verso la Svezia.

Le incisioni rupestri di Tanum, patrimonio mondiale dell’Unesco sono tra i punti di interesse svedesi prima di raggiungere Göteborg e tra giugno e agosto si può provare l’effetto sorprendente di un sole a mezzanotte.

La pioggia è probabile anche in estate in Danimarca quindi occorre un impermeabile e un maglione per la frescura della notte nell’attraversamento di questo territorio dalle notevoli attrazioni storiche e religiose come Viborg.

Il tragitto in Germania attraversa grandi città come Amburgo, Brema e Colonia e in Belgio c’è una sosta da non perdere all’Abbazia di Val-Dieu per proseguire in una Francia rurale prima di arrivare alla frizzante Parigi.

Proseguendo in Spagna come i pellegrini si percorre il Cammino di Santiago de Compostela fino al punto di arrivo: la Cattedrale di Santiago de Compostela.

Itinerario Eurovelo 4: il Tragitto dell’Europa Centrale

La ciclabile della lunghezza di 5.100 km permette ai cicloturisti di conoscere la ricca storia medievale nel cuore dell’Europa centrale e questi luoghi rimarranno in modo indelebile nella memoria dei visitatori.

La parte francese ha una lunghezza di 1.500 km e offre una varietà di paesaggi unica tra terra e mare, con una segnaletica ottima e una maggioranza di strade a bassa percorrenza di veicoli.

La partenza dalla città portuale di Roscoff è l’inizio di un itinerario verso la Normandia toccando anche la meta patrimonio Unesco, l’Abbazia di Mont Saint Michel per proseguire verso Dunkerque.

Il periodo ideale per intraprendere questo viaggio è l’estate in quanto il clima è gradevole e la temperatura è adatta a pedalare senza l’inevitabile calura estiva.

La parte belga ha una buona segnaletica nel suo breve tratto di 150 km che permette di apprezzare le bellezze naturali della costa occidentale delle Fiandre e la sorprendente Bruges soprannominata la “Venezia del Nord”.

Il paesaggio pianeggiante olandese accoglie i ciclisti su piste ben progettate che consentono di raggiungere luoghi rimasti intatti nel tempo con testimonianze storiche, architettoniche stupende come Breda e Middlebourg.

La parte tedesca attraversa città rinomate come Colonia e Bonn e costeggia il fiume Reno, continuando nella verdeggiante valle del Meno per arrivare a Francoforte e per visitare la città medievale di Bamberg.

Il percorso in Repubblica Ceca è costellato di splendidi paesaggi naturali e di luoghi ricchi di cultura come Praga per raggiungere la Polonia dopo la regione di Ostrava.

Il tragitto lungo le strade di campagne polacche conduce a Cracovia e in seguito nell’affascinante città di Tarnow e il suo centro storico.

In Ucraina c’è l’altro estremo di questo percorso alla scoperta della storia dell’Europa Centrale e proprio a Kiev si conclude l’esplorazione di interessanti luoghi tra storia e modernità.

Itinerario Eurovelo 5: la Via Romea Francigena

È un percorso della lunghezza di 3.200 km che segue la via dei pellegrini del X secolo che collegava Londra e Roma, da nord a sud.

Il luogo di pellegrinaggio di partenza è la città di Canterbury nel sud-est della Gran Bretagna in cui si inizia il viaggio, preferibilmente in estate, verso la Francia a Béthune con la sua chiesa e in particolare il campanile, classificato Patrimonio Unesco.

La ciclabile continua verso il Belgio fino alla storica Bruxelles per proseguire in Lussemburgo fino alla Germania in cui il tratto è di soli 80 km, con incantevoli posti da scoprire.

In Francia, dopo Strasburgo si percorre la strada dei vigneti dell’Alsazia che raggiunge piccole cittadine in cui si trovano testimonianze dell’epoca romana e si continua fino ad arrivare al confine svizzero.

In Svizzera, tra montagne, colline e laghi si giunge a Chiasso per procedere per oltre 1.000 km dalla pianura lombarda fino a Roma e in seguito a Taranto, per terminare nella città medievale di Brindisi.

Itinerario Eurovelo 6: Atlantico – Mar Nero

eurovelo6

È un itinerario della lunghezza di 4.450 km che attraversa l’Europa centrale e occidentale, dall’Atlantico al Mar Nero costeggiando il corso di tre fiumi: Loira, Reno e Danubio.

La città francese in cui inizia l’avventura cicloturistica è la cittadina di Saint-Brévin-les-Pins e si continua lungo le rive della Loira e i suoi magnifici castelli.

In Svizzera c’è il fiume Reno che scorre e accompagna le pedalate verso la città d’arte Basilea, per andare poi verso la Germania da Stein am Rhein.

In Germania c’è il Danubio e la regione di Baviera con Ulm, città natale di Einstein e le attrattive storiche e naturali di queste stupende zone fino ad arrivare in Austria.

La tappa austrica conduce a Linz, città creativa e storica e si arriva fino a Vienna con il suo centro patrimonio mondiale dell’Unesco.

Da Bratislava in Slovacchia si passa in Ungheria a Budapest con la sua imponente architettura e si procede verso la Croazia dai bellissimi parchi naturali per poi andare in Serbia con la vivace Belgrado.

Il tratto in Romania è di 1.300 km per arrivare al delta del Danubio, incomparabile per la sua fauna, con l’alternativa del percorso in Bulgaria con la scoperta di Silistra e Roussé.

Itinerario Eurovelo 8: la Strada lungo il Mediterraneo

Questo percorso collega la Spagna alla Grecia, da Cadice ad Atene per poi estendersi a Cipro per una lunghezza totale di 5.900 km.

La migliore stagione è la primavera per costeggiare il Mediterraneo, a partire dalla Spagna che in estate ha temperature piuttosto elevate.

La città portuale di Cadice è l’inizio dell’itinerario che arriva alle coste rocciose dei Pirenei fino a Narbonne, alla Provenza alla Costa Azzurra e dopo Mentone si arriva in Italia.

Dopo aver attraversato la pianura padana, da Trieste si fa ingresso in Slovenia dove le piste ciclabili sono predisposte per il cicloturismo e in Croazia si pedala lungo le belle spiagge del Mediterraneo.

Si continua in Bosnia e dopo in Montenegro fino all’Albania a Tirana, da qui in Grecia ad Atene dove si conclude il percorso all’ombra dell’Acropoli.

Dopo aver lasciato la Grecia si raggiunge la Turchia, con una visita a Izmir tra modernità e tradizione e poi Cipro dai siti archeologici fino alle magnifiche spiagge.

Itinerario Eurovelo 9: la Via dell’Ambra

È tra le piste ciclabili più brevi con i suoi 2.500 km ma offre un insieme affascinante di paesaggi marittimi e montuosi.

Attraversa la pianura della Polonia per addentrarsi nel territorio montuoso della Repubblica Ceca, continuando nella regione vitivinicola austriaca e passando dalla Slovenia e dall’Italia per raggiungere la località balneare croata di Pula, alla fine dell’itinerario.

Itinerario Eurovelo 15: la Ciclovia del Reno

È una pista ciclabile della lunghezza di più di 1.300 km e collega la Svizzera con i Paesi Bassi attraversando da nord a sud il territorio europeo.

Si passa dalle Alpi al Mare del Nord partendo da Andermatt in Svizzera e poi verso la Francia per proseguire in Germania e infine raggiungere Hoek van Holland nei Paesi Bassi.

Itinerario Eurovelo 17: la Ciclovia del Rodano

Il percorso ha una lunghezza di oltre 1.000 km e attraversa la Svizzera e la Francia, dal lago di Ginevra a Sète sulla costa francese pedalando nella Valle del Rodano.

Itinerario Eurovelo 19: la Ciclovia della Mosa

È un itinerario della lunghezza di 1.050 km che collega la Francia e i Paesi Bassi, attraversando il Belgio, tra i due estremi cioè dalla città francese di Langres alla città portuale olandese di Rotterdam.

Dove inizia Eurovelo 15?

L’itinerario Eurovelo 15 ha il suo punto di partenza in Svizzera a Andermatt e in seguito prosegue nella parte francese sulla pista ciclabile del Reno che ha una lunghezza di 180 km fino ad arrivare in Germania e concludere il percorso a Hoek van Holland nei Paesi Bassi.

Qual è il miglior itinerario Eurovelo?

I ciclisti che desiderano provare un primo viaggio a lunga distanza in autonomia dovrebbero provare l’itinerario Eurovelo 6, dall’Atlantico al Mar Nero.

La lunghezza totale del percorso è inferiore a 5.000 km ed è in pianura, pedalando lungo i principali fiumi europei cioè la Loira, il Rodano e il Danubio.

In quale mare sfocia il fiume Reno nell’itinerario Eurovelo 15?

Il fiume Reno sfocia nel Mare del Nord nei Paesi Bassi e scorre lungo il confine tra Francia e Germania.